252 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Ragazzini sparano per divertimento con una carabina e feriscono 7 passanti a San Felice Circeo

A causa della scorribanda per le strade del litorale pontino, sette persone sono rimaste ferite. Tutti hanno riportato lesioni giudicate guaribili tra sette e dieci giorni. Per quasi tutti si è trattato di colpi sparati ad altezza uomo (spalle, collo e orecchie).
A cura di Enrico Tata
252 CONDIVISIONI
Immagine

Si divertivano a sparare colpi con una carabina ad aria compressa dal finestrino di una macchina. Prima a Terracina e poi a San Felice Circeo, provincia di Latina. Le segnalazioni sono arrivate da molti punti delle due cittadine. Passavano con l'auto nei luoghi della movida e sparavano ad ignari passanti. Dopo l'ennesima chiamata alle forze dell'ordine, i carabinieri sono riusciti a intercettare il veicolo, bloccandolo in via Tittoni al Circeo. A bordo cinque ragazzi, alcuni minorenni. Uno è riuscito a scappare. 

Ferite sette persone, colpi sparati ad altezza uomo

Ai giovani a bordo dell'auto sono stati sequestrati un coltello multiuso, proiettili di metallo, due grammi di cocaina e la carabina ad aria compressa. A causa della scorribanda per le strade del litorale pontino, sette persone sono rimaste ferite. Tutti hanno riportato lesioni giudicate guaribili tra sette e dieci giorni. Per quasi tutti si è trattato di colpi sparati ad altezza uomo (spalle, collo e orecchie).

I due maggiorenni agli arresti domiciliari

I carabinieri comunicano che i due maggiorenni bloccati, data la gravità dei fatti, sono stati arrestati e gli altri due minorenni sono stati deferiti a piede libero. Uno dei ragazzi era tra l'altro già noto alle forze dell'ordine. Le accuse nei confronti della banda sono di violenza e lesioni aggravate ad incaricato di un pubblico servizio e lesioni aggravate da motivi abietti e futili mediante l’utilizzo di armi.

Su disposizione della procura di Latina, fanno sapere i carabinieri in una nota, "sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo previsto per domani, sabato 9 settembre 2023".

252 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views