La morte dell'ultras Fabrizio Piscitelli a Roma
4 Giugno 2021
17:21

Pax mafiosa di Ostia tra clan Spada ed Esposito: condannata a 6 anni l’avvocata amica di Diabolik

“Mo riarresteranno pure il mio povero Diabolik”. “Secondo te mi arrestano? Sicuramente mi indagano”. Così diceva l’avvocata del Foro di Roma quando aveva capito che il suo nome sarebbe finito nel registro degli indagati per quell’incontro tra Diabolik e Salvatore Casamonica per fare da garanti della pax mafiosa di Ostia. La penalista è stata condannata a 6 anni e 8 mesi di reclusione.
A cura di Natascia Grbic
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte dell'ultras Fabrizio Piscitelli a Roma

L'avvocata che nel dicembre 2017 prese parte a un pranzo per garantire la pax mafiosa a Ostia tra il clan Spada e quello degli Esposito, è stata condannata a sei anni e otto mesi di reclusione. La professionista, accusata di concorso esterno in associazione mafiosa, aveva scelto il rito abbreviato. Per lei la Procura aveva chiesto una condanna a nove anni di reclusione. Nel procedimento sono coinvolti anche Salvatore Casamonica e l'avvocato difensore di Roberto Spada, che hanno invece scelto di essere processati con il rito ordinario. Erano stati arrestati nell'ambito dell'operazione della Guardia di Finanza ‘Tom Hagen‘, nome non scelto a caso dato che si rifà al noto legale del terzo capitolo de Il Padrino. L'avvocata era ritenuta dai clan di Ostia elemento fondamentale per garantire il successo dell'incontro, al quale era presente – come garante della Pax – anche Fabrizio Piscitelli, l'ultrà della Lazio  e boss criminale ucciso nel 2019.

L'avvocata del Foro di Roma aveva partecipato a un pranzo insieme a Salvatore Casamonica e Fabrizio Piscitelli. Avevano il ruolo di garanti tra il clan degli degli Spada e quello di Marco Esposito, detto ‘Barboncino'. Lo scopo, far sì che la guerra per il controllo del territorio finisca il prima possibile. Una guerra che a Roma non conviene a nessuno: per questo Casamonica e Diabolik si erano incontrati. Il primo come garante per gli Spada, il secondo per Esposito. La Guardia di Finanza li ha intercettatati proprio in presa diretta, mentre Piscitelli diceva ‘Io e te ci stiamo mettendo in mezzo per fare da garanti eh'. Una frase che ha lasciato pochi dubbi agli inquirenti sulla natura di quell'incontro.

Nel mondo criminale romano, l'incontro tra i tre aveva avuto molta eco: nella capitale se ne era parlato per mesi. Tanto che qualcosa era uscito già in alcune intercettazioni legate ad altre indagini come quella che ha portato all'operazione ‘Maverick‘. E proprio queste intercettazioni avevano messo in agitazione la professionista, che diceva a un conoscente: "mo riarresteranno pure il mio povero Diabolik" e "secondo te mi arrestano? Sicuramente mi indagano".

"Spappolavano e massacravano" chi non pagava la coca: chiesti 400 anni per gli uomini di Diabolik
"Spappolavano e massacravano" chi non pagava la coca: chiesti 400 anni per gli uomini di Diabolik
Pusher violenti e implacabili: ora gli uomini di Diabolik chiedono lo sconto di pena
Pusher violenti e implacabili: ora gli uomini di Diabolik chiedono lo sconto di pena
Daspo a 44 Irriducibili: "Erano i picchiatori dell'organizzazione criminale di Diabolik"
Daspo a 44 Irriducibili: "Erano i picchiatori dell'organizzazione criminale di Diabolik"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni