357 CONDIVISIONI
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma
14 Febbraio 2022
14:50

Omicidio Luca Sacchi, la famiglia chiede un anticipo sul risarcimento di 1,7 milioni di euro

I legali della famiglia di Luca Sacchi hanno chiesto una provvisionale di 1,7 milioni di euro.
A cura di Enrico Tata
357 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma

I legali della famiglia di Luca Sacchi hanno chiesto una provvisionale di un milione e settecentomila euro. La provvisionale è il denaro che il giudice riconosce alla parte danneggiata come anticipo rispetto a ciò che spetterà in via definitiva. La richiesta è stata presentata dagli avvocati, che però hanno sottolineato e ribadito che la famiglia non ha interesse nei soldi che riceverà: "Non ci sono risarcimenti che possono minimamente andare a colmare il dolore per la perdita di un figlio e di un fratello. La madre ci ha detto che da quella sera non vive ma sopravvive. Noi ci auguriamo che una volta fatta giustizia questa famiglia possa tornare a vivere", hanno dichiarato gli avvocati Paolo Salice e Armida Decina.

Le richieste della pm: ergastolo per Valerio Del Grosso

Nell'ultima udienza la pm Giulia Guccione ha chiesto la condanna all'ergastolo per Valerio Del Grosso, l'autore materiale dell'omicidio di Luca Sacchi, a 30 anni per Paolo Pirino e per Marcello De Propris. Il primo è il complice di Del Grosso e il secondo è colui che ha consegnato nelle mani del killer l'arma del delitto. La pm Guccione ha chiesto anche una condanna a quattro anni e mezzo per Anastasiya Kylemnyk. È stata sollecitata inoltre l'assoluzione per Armando De Propris, il padre di Marcello, legale detentore della pistola. Secondo gli inquirenti, tuttavia, non è colpevole in alcun modo della morte di Sacchi, perché la pistola gli sarebbe stata sottratta dal figlio.

La pm: "Luca ucciso con violenza gratuita, non cera motivo"

La vicenda Sacchi "è una storia paradossale perché fin dalle prime battute Luca, la vittima, è stato fatto passare per l'accusato. Per questo oggi mi sento obbligata a fornire la verità processuale che risulta dalle carte. Perché è stato ucciso ? Il motivo a me ad oggi sfugge. Lo zaino era nelle mani di Paolo Pirino. Il grilletto è stato premuto da Valerio del Grosso con gratuita violenza, non c'era motivo", ha detto nella sua requisitoria la pm Guccione.

357 CONDIVISIONI
174 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni