64 CONDIVISIONI

Nicolas Giuroiu ucciso e gettato in una vasca per liquami: Angelo Travali condannato a 21 anni

Condanna a ventuno anni per omicidio in concorso per Angelo Travali, assoluzione per il fratello Salvatore. Questa la sentenza della Corte d’Assise per il processo sull’omicidio di Nicolas Giuroiu.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Alessia Rabbai
64 CONDIVISIONI
Nicolas Giuroiu
Nicolas Giuroiu

Una condanna e un'assoluzione, così si è concluso il processo per l'omicidio di Nicolas Giuroiu, ucciso e gettato in una vasca per liquami a Borgo Sabotino, in provincia di Latina nel pomeriggio dell'8 marzo del 2014 e ritrovato senza vita sei giorni dopo. A sedere nel banco degli imputati sono i fratelli Travali, per concorso in omicidio.

Come riporta Il Messaggero la sentenza della Corte d'Assise di Latina presieduta da Gianluca Soana è arrivata oggi. Il verdetto vede la condanna di Angelo Travali a ventuno anni di reclusione mentre Salvatore è sato assolto. I due fratelli sono finiti a processo, la Procura della repubblica ha iscritto i loro nomi sul registro degli indagati e sono stati rinviati a giudizio dopo le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia.

Le testimonianze sono arrivate a distanza di qualche anno dalla condanna per il delitto dei fratelli Mirko e Manuel Ranieri e di Ionut Adrian Ginca. Il movente sarebbe ricondurre al fatto che Giuroriu sfruttava due ragazze, facendole prostituire. Per tutti e due gli imputati Travali il pubblico ministero Luigia Spinelli aveva chiesto la pena dell'ergastolo. Nel processo si sono costituiti parte civile il Comune di Latina e l’associazione “Caponnetto”.

L'omicidio di Nicolas Giuroiu

I fatti per i quali sono finiti a processo i due imputati si sono verificati nove anni fa. Vittima Nicolas Adrian Giuroiu, ventottenne di origini romene ma residente a Formello, il cui cadavere è stato rinvenuto nella notte del 14 marzo del 2014 ad Olmobello. Secondo quanto ricostruito in sede d'indagine a freddarlo sarebbero stati colpi di pistola sparati in un agguato, mentre era a bordo della sua auto e stava percorrendo via Macchiagrande. Il corpo è stato poi nascosto all'interno di una vasca per liquami.

64 CONDIVISIONI
Michelle Causo, uccisa e gettata in un carrello: il killer chiede il giudizio abbreviato
Michelle Causo, uccisa e gettata in un carrello: il killer chiede il giudizio abbreviato
La nonna ha relazione con uomo di 25 anni più giovane: lui condannato per aver abusato della nipotina
La nonna ha relazione con uomo di 25 anni più giovane: lui condannato per aver abusato della nipotina
Salvini su condanna a Matteo Di Pietro: "Quattro anni di carcere per aver ucciso un bimbo?"
Salvini su condanna a Matteo Di Pietro: "Quattro anni di carcere per aver ucciso un bimbo?"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni