147 CONDIVISIONI

Ligabue ha l’influenza e il concerto a Roma è rimandato all’ultimo: i fan aspettano ore al freddo

L’influenza ha costretto Luciano Ligabue a rinviare il concerto di Roma al 9 dicembre. La notizia è arrivata all’ultimo momento, quando i fan erano già in attesa al Palazzetto dello Sport.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Alessia Rabbai
147 CONDIVISIONI
Dal profilo Instagram ufficiale di Luciano Ligabue
Dal profilo Instagram ufficiale di Luciano Ligabue

Luciano Ligabue ha rimandato il concerto in programma domenica 19 novembre al Palazzetto dello Sport a Roma perché ha l'influenza. Un rivio arrivato all'ultimo momento, il cantautore ci ha provato fino a poco prima dell'esibizione ma alla fine non è riuscito a salire sul palco perché le sue condizioni di salute non glielo hanno consentito. La nuova data fissata per il concerto di Ligabue a Roma è il 9 dicembre, i biglietti già acqustati resteranno validi, chi vuole il rimborso può richiederlo entro il 30 novembre. Ad annunciare che il concerto ieri sera sarebbe saltato è stato anche Ligabue stesso nelle storie Instagram con una frase in sovrimpressione che ne anticipa il contenuto: "A malincuore posticipati il concerto di Roma ed Eboli".

"La notizia l'avete già avuta, posso dirvi che mi dispiace veramente tanto, avevo ovviamente molta voglia di divertirmi anche questa sera. Purtroppo già da ieri sera ho avuto qualche problema con la gestione della voce per colpa del virus, che mi condiziona proprio nel riuscire a cantare. Ho provato di tutto per porvi rimedio, mi sono imbottito di cortisone fino a mezz'ora fa, ho fatto le prove al microfono fino alle 8 nonostante voi foste dentro al Palaeur, io ero dietro a fare dei tentativi per capire se c'era qualcosa da salvare ma non posso pensare di fare un brutto concerto a Roma, non ve lo meritate voi e non me lo merito nemmeno io. Il concerto comunque verrà fatto più avanti. Scusate ancora per l'inconveniente, vi abbraccio".

Immagine

Concerto di Ligabue rimandato, i commenti dei fan in attesa al freddo

Come spiega Ligabue stesso nel reel Instagram e come si legge nei commenti quando è arrivata la notizia che il concerto sarebbe saltato moltissimi fan erano già all'interno del Palazzetto, altri fuori in fila al freddo, in fervente attesa. Divisi i fan, molte le critiche al cantante: "Se da ieri sera avevi problemi nel gestire la voce non era forse il caso di avvisare prima? – scrive una ragazza – Siamo venute da fuori regione. Hai idea delle spese che abbiamo affrontato oltre al biglietto?! Pensavamo fosse un comico il signore che ha dato l' annuncio. Cattiva gestione. Pessima".

Altri fan sono più comprensivi, ma comunque dicono che avrebbero apprezzato sapere con anticipo del rinvio: "Stare male è umano. Per correttezza verso i fan potevi uscire tu a dircelo o comunque avvisare prima, non alle 21 dopo aver fatto ore di coda al freddo". Tanti anche i commenti che esprimono solidarietà e vicinanza al beniamino: "Capisco la frustrazione di chi ha aspettato ore ma probabilmente si sarà imbottito di farmaci fino all’ultimo nella speranza di poter cantare. Siamo umani tutti commettiamo degli errori. E trovo inadeguato chi dice poteva venire lui a dircelo, è un essere umano anche lui. Se la vostra delusione è grande pensate la sua al solo pensiero di aver lasciato li migliaia di persone che lo stavano attendendo. Suvvia! Forza Luciano buona guarigione".

Immagine
147 CONDIVISIONI
Da marzo la Roma-Lido chiude alle ore 21 per 2 anni: lavori di rinnovo cavi e nuove stazioni
Da marzo la Roma-Lido chiude alle ore 21 per 2 anni: lavori di rinnovo cavi e nuove stazioni
Sciopero a Roma 12 febbraio 2024, oggi a rischio i treni per 8 ore: gli aggiornamenti
Sciopero a Roma 12 febbraio 2024, oggi a rischio i treni per 8 ore: gli aggiornamenti
Folla a Roma per l'addio a Sandra Milo: "Se n'è andata da questa vita, ma sarà sempre con noi"
Folla a Roma per l'addio a Sandra Milo: "Se n'è andata da questa vita, ma sarà sempre con noi"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni