Ufficialmente le scuole del Lazio riapriranno il 14 settembre, ma la Regione lascerà ampio margine ai sindaci. “Possono valutare in sede locale, in caso di problematiche emergenti o non risolte, deroghe o decisioni più opportune in merito alla data di inizio dell’anno scolastico”, dice l’assessore regionale alla Scuola, Claudio Di Berardino.

E spunta già un caso. A Roma, l’istituto comprensivo di via Poseidone, nel VI Municipio, ha già deliberato il rinvio delle lezioni al 24 settembre per i suoi 1.158 studenti. “I banchi singoli non sono ancora arrivati”, spiega a Il Corriere della Sera la preside Annalisa Laudando, “coi vecchi biposto non assicuriamo le distanze e dobbiamo aspettare che finiscano i lavori di edilizia leggera del Municipio”.

Lezioni al Foro Romano per le scuole del I Municipio

La Curia Iulia, l’Atrio di Santa Maria Antiqua, il Giardino degli Horti Farnesiani e i Giardini all’ingresso di via di San Gregorio. Luoghi visitati solitamente da turisti che ora potranno essere utilizzati dalle scuole del I Municipio come aule. L’accordo è stato firmato dalla direttrice del Parco archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo, e la presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi. Il progetto si chiama “Lezione al Parco” e durerà l’intero anno scolastico. Si utilizzeranno i posti a sedere disponibili, alla Curia ce ne sono 130, mentre nei giardini la situazione sarà diversa, perché non hanno attrezzature, né banchi e lavagne. Visto che gli orari scolastici coincideranno con i pasti, è stata inoltre concessa una deroga per consentire agli alunni di mangiare all’aperto.

L’iniziativa nasce a seguito dell’esperienza dei centri estivi. Che nel mese di luglio “hanno potuto trascorrere delle giornate all’interno dell’area archeologica con le visite guidate curate dal Parco», dice a Il Corriere della Sera l’assessore municipale alla Scuola, Giovanni Figà Talamanca. Una soluzione che offre non solo grande suggestione, ma rende possibile anche il distanziamento sociale.