1.553 CONDIVISIONI
Delitto di Arce, omicidio di Serena Mollicone
19 Settembre 2022
13:06

Il caso di Serena Mollicone arriva al Parlamento europeo: “Vittima di omicidio e giustizia negata”

Il caso di Serena Mollicone è stato discusso al Parlamento europeo. “La cittadina europea Serena Mollicone e la sua famiglia meritano che questo drammatico caso superi i confini del nostro Paese”.
A cura di Natascia Grbic
1.553 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Arce, omicidio di Serena Mollicone

"Ho portato all’attenzione di Bruxelles quegli elementi tecnico-scientifici emersi nel corso del processo e che ritenevo andassero in una direzione univoca di colpevolezza, ma non sono stati considerati sufficienti dalla Corte d’Assise. Speriamo nell’appello". A parlare, dalla piazza di Arce durante l'evento ‘Serena Vive' è la medica legale che si è occupata del caso di Serena Mollicone, Luisa Regimenti.

Tantissime le persone che hanno partecipato all'evento, per chiedere ancora una volta che sia fatta chiarezza e giustizia. "Serena e la sua famiglia hanno diritto di ottenere giustizia ed avere finalmente delle risposte per sapere cosa sia accaduto – continua la dottoressa – La ragazza è due volte vittima, di omicidio e di giustizia negata, perché in oltre vent’anni ancora non è stata messa la parola fine a questo terribile delitto. Per questo, ho portato il caso in Europa: la cittadina europea Serena Mollicone e la sua famiglia meritano che questo drammatico caso superi i confini del nostro Paese".

Il processo di primo grado per l'omicidio della 18enne, avvenuto oltre vent'anni fa ad Arce, si è concluso con l'assoluzione di tutti gli imputati. A essere accusata di aver ucciso la ragazza è tutta la famiglia Mottola, l’ex comandante della stazione dei carabinieri di Arce Franco, sua moglie Anna Maria e il figlio Marco. Assolti anche due carabinieri accusati di aver depistato le indagini.

Le motivazioni della sentenza devono essere ancora depositate, ma i legali della famiglia di Serena Mollicone hanno già presentato ricorso per correre in appello. Soddisfatta dell'assoluzione la famiglia Mottola, che ha sempre dichiarato di non aver ucciso Serena.

1.553 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni