281 CONDIVISIONI
Coronavirus
14 Luglio 2021
11:22

Covid, rischio variante Delta: nel Lazio è già dominante, i contagi aumenteranno

Secondo l’ultimo studio del Servizio regionale di sorveglianza e controllo delle malattie infettive, unità del Dipartimento di epidemiologia e diagnostica dell’Istituto Spallanzani di Roma, la variante è diventata dominante nel Lazio: rappresenta infatti il 57,1 per cento dei casi contro il 34,9 per cento di due settimane fa e il 3,4 per cento di metà maggio.
A cura di Enrico Tata
281 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Un caso di contagio su due è dovuto alla variante Delta, o indiana, del coronavirus. Secondo l'ultimo studio del Servizio regionale di sorveglianza e controllo delle malattie infettive, unità del Dipartimento di epidemiologia e diagnostica dell'Istituto Spallanzani di Roma, la variante è diventata dominante nel Lazio: rappresenta infatti il 57,1 per cento dei casi contro il 34,9 per cento di due settimane fa e il 3,4 per cento di metà maggio. Insomma, in meno di due mesi è passata dal 3 per cento a quasi il 60 per cento.

Lo studio sulla variante Delta dell'Istituto Spallanzani

L'indagine, spiegano gli esperti, ha riguardato 238 tamponi positivi analizzati tra il 28 giugno e il 10 luglio 2021. Secondo l'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive questi numeri "non si discostano da quanto era atteso sulla base delle rilevazioni precedenti e dei dati nazionali". C'è da notare inoltre "che nel periodo considerato si è riscontrato solo un modesto aumento delle diagnosi di Covid-19 nella regione, e non vi sono ad oggi segnali di un incremento del carico assistenziale delle strutture ospedaliere e in particolare dei servizi di terapia intensiva". I test sono stati eseguiti, oltre che dal laboratorio di virologia dello Spallanzani, dai laboratori dell'Ifo e dell'Istituto Zooprofilattico del Lazio.

Cosa sappiamo della variante Delta

Nell'ultimo documento, pubblicato lo scorso 23 giugno, l'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha sottolineato la crescente diffusione della variante Delta, ovvero la variante denominata B.1.617.2, che è più trasmissibile del 40-60 per cento rispetto alla variante Alfa. I cittadini che hanno ricevuto solo la prima dose sono meno protetti, ma alcuni studi sottolineano come la doppia dose di vaccino protegga dalla malattia grave e dalle ospedalizzazioni. Questa variante rappresenterà in Europa, secondo i dati dell'Ecdc, il 70 per cento delle nuove infezioni entro i primi di agosto e il 90 per cento dei contagi entro la fine di agosto. Per questo gli esperti hanno chiesto ai governi di non abbandonare del tutto le restrizioni e di intensificare la campagna vaccinale. In caso contrario si potrebbero osservare bruschi aumenti di infezioni e ricoveri.

D'Amato: "Casi destinati ad aumentare nel Lazio"

Secondo l'assessore D'Amato i contagi causati dalla variante Delta "sono destinati ad aumentare" nei prossimi giorni, soprattutto tra chi non si è vaccinato o non ha ancora completato il percorso vaccinale. La priorità è vaccinarsi e mantenere alta l'attenzione sulle regole di prevenzione dal contagio, non facciamo gli stessi errori della scorsa estate". Negli ultimi giorni i contagi sono stabilmente sopra i 100 casi, in aumento rispetto alle settimane precedenti. Il calo dei ricoveri e dei ricoveri nelle terapie intensive, invece, continua, almeno per il momento. L'obiettivo della Regione Lazio è di arrivare al 70 per cento della popolazione completamente vaccinata entro la prima settimana di agosto.

281 CONDIVISIONI
27437 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni