146 CONDIVISIONI
Coronavirus
3 Giugno 2021
15:26

Come si fa a spostare l’appuntamento per il richiamo del vaccino nel Lazio

Ecco come è possibile modificare l’appuntamento per la seconda dose del vaccino anti Covid nel Lazio. All’interno il numero telefonico da contattare per provare a spostare la data del richiamo. Non è chiaro se una vacanza già fissata, tuttavia, sia ritenuto dagli operatori un motivo valido per spostare l’appuntamento.
A cura di Enrico Tata
146 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Spostare la data della seconda dose del vaccino Pfizer o Moderna nel Lazio è possibile. Ufficialmente non per impegni di vacanze già prenotate, ma Fanpage.it ha provato a posticipare o anticipare l'appuntamento e farlo è stato molto semplice. Come noto, inizialmente i richiami per i Pfizer e Moderna venivano somministrati rispettivamente dopo 21 e dopo 28 giorni dalla prima dose. Su richiesta del Comitato tecnico scientifico, le Regioni sono state invitate a posticipare questi appuntamenti a 42 giorni. Il Lazio ha deciso di effettuare i richiami dopo 35 giorni, sia per Pfizer che per Moderna. Molti cittadini, quindi, sono stati ricontattati tramite sms e hanno ricevuto una nuova data, a 5 settimane (35 giorni, per l'appunto) di distanza dalla somministrazione della prima dose.

Cosa fare per spostare l'appuntamento della seconda dose

Se per qualche motivo non è possibile confermare questa nuova data e si vuole spostare il giorno di somministrazione, bisogna chiamare il numero verde messo a disposizione dalla Regione Lazio: 06 164161841. Il numero è attivo dal lunedì al venerdì con orario 7.30 – 19.30, sabato con orario 7.30 – 13.00. Scegliendo la propria fascia d'età e indicando con il tasto numerico chiesto dalla voce registrata la volontà di cambiare l'appuntamento della seconda dose, la chiamata viene passata a un operatore. I due cittadini che ci hanno raccontato la loro diretta esperienza, hanno detto di aver fatto presente all'operatore telefonico della Regione che nel giorno programmato per il richiamo avevano un impegno improrogabile. Gli è stato proposto, quindi, nel caso del vaccino Pfizer, di spostare il richiamo al massimo una settimana prima o al massimo una settimana dopo (cioè entro le 4 le 6 settimane successive alla prima dose). Il cambio è stato effettuato in pochi secondi (in base alle disponibilità nello stesso centro vaccinale in cui è stata somministrata la prima dose) e la Regione ha subito inviato un sms di conferma con le indicazioni per il nuovo appuntamento.

Può farlo anche chi ha una vacanza già prenotata?

Questa operazione è stata eseguita sia da un cittadino che ha un codice esenzione (categoria 4 del piano vaccinale), sia da un cittadino Over 70. Non è chiaro se le stesse modalità siano valide anche per i cittadini più giovani, ma probabilmente è così. Non è chiaro neanche se una vacanza prenotata sia considerata dagli operatori un motivo valido per spostare la data del richiamo. Entrambe le persone che ci hanno raccontato di aver effettuato il cambio, tra l'altro, avevano ricevuto un sms che li informava dello spostamento del richiamo (da 21 a 35 giorni per i motivi spiegati in precedenza).

146 CONDIVISIONI
26094 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni