video suggerito
video suggerito
News sul caso Hasib Omerovic a Primavalle

Caso Hasib Omerovic, dalle indagini emerge che in Commissariato sapevano del pestaggio

Sale a cinque il numero dei poliziotti indagati nella vicenda del grave ferimento di Hasib Omerovic. Altri agenti sarebbero a conoscenza dei fatti.
A cura di Alessia Rabbai
13 CONDIVISIONI
La porta danneggiata nella casa di Primavalle
La porta danneggiata nella casa di Primavalle
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Altri poliziotti sarebbero a conoscenza di quanto accaduto il 25 luglio scorso quando il trentaseienne Habsib Omerovic è precipitato fuori dalla finestra dell'appartamento di via Gerolamo Aleandro in zona Primavalle a Roma. È quanto emerso nel corso dell'inchiesta della Procura, che indaga su un quinto agente. Sale dunque a cinque il numero dei poliziotti indagati nella vicenda del grave ferimento del ragazzo finito in coma, oltre ai primi quattro poliziotti. E ci sarebbero altri colleghi a conoscenza di quanto accaduto nell'abitazione della famiglia Omerovic. È quanto emerge dall'ordinanza del giudice delle indagini preliminari, come riporta il Corriere della Sera, a carico dell’assistente capo Andrea Pellegrini.

Altri poliziotti sanno cos'è accaduto nell'appartamento

I giorni dopo i fatti il Dipartimento di pubblica sicurezza ha rimosso il dirigente e della vice dirigente del commissariato Primavalle, che lo specifichiamo non sono indagati. L’ispettore della Squadra mobile, sezione Criminalità organizzata, ha spiegato che il 5 settembre scorso nel corso delle indagini condotte dalla polizia ha parlato al telefono con l’ispettrice superiore. Quest'ultima gli chiese di svolgere bene le indagini. Due agenti che erano presenti al momento dei fatti hanno dichiarato ad un collega di aver provato a "sensibilizzare Pellegrini" e ad avere "un comportamento più consono al ruolo" dopo che lui aveva colpito Omerovic con due schiaffi e sfondato la porta di una camera da letto.

Arrestato un poliziotto accusato di tortura

Ieri ha riportato Adnkronos, uno dei poliziotti indagati è stato arrestato e posto ai domiciliari. Sull'agente penderebbe anche l'accusa del reato di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici. Oltre a lui sono stati notificati altri quattro avvisi di garanzia per altrettanti agenti, indagati a vario titolo di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici e depistaggio.

13 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views