Immagine dal gruppo Facebook "Oltre il ponte c'è".
in foto: Immagine dal gruppo Facebook "Oltre il ponte c’è". .

"A pochi passi dalle nostre case stanno cospargendo il terreno di sostanze blu….è una sostanza inertizzante? Servono per trattenere polveri sottili e fibre di amianto delle macerie del ponte? Non siamo chimici, non siamo tecnici delle bonifiche, siamo cittadini che vogliono delle risposte". E' questa la denuncia partita da Facebook degli abitanti di Genova, dove a breve comincerà lo smantellamento del ponte Morandi, crollato parzialmente lo scorso 14 agosto, che partirà non appena saranno conclusi i controlli sui monconi del viadotto sul Polcevera.

La pagina "Oltre il ponte c'è" ha anche pubblicato delle immagini relative al materiale di colore blu comparso nella zona intorno al ponte, di cui i cittadini ignorano al momento l'origine e di cui chiedono spiegazione alle aziende incaricate di demolire il viadotto. "Ci parlano di rigenerazione urbana quando ci sarà il nuovo ponte con colline, parchi una grande piazza "il nostro ground zero…", queste sono armi di distruzione di massa e noi non vogliamo sapere cosa succederà un domani… Noi vogliamo sapere cosa succede oggi", conclude il post. Non è una novità che i lavori di demolizione del ponte stiano creando una certa preoccupazione negli abitanti, che proprio nella giornata di ieri si sono riuniti in assemblea per analizzare tutti i rischi, ambientali e sanitari, che questa operazione comporterebbe. E queste foto confermerebbero i loro timori.