Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso plaude all'iniziativa annunciata dalla Regione Lazio, che intende vaccinare i maturandi, in tempo per gli esami. "Ben vengano tutte le iniziative che contribuiscono a mettere in sicurezza la comunità scolastica", ha commentato all'AdnKronos il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso.

"Fa piacere – ha aggiunto Sasso – che altre forze politiche stiano seguendo la linea della Lega nel formulare proposte concrete e offrire soluzioni: penso ad esempio alle nostre iniziative per la ripresa della vaccinazione per gli insegnanti e il via libera per l'uso dei tamponi salivari. Lo spirito di un Governo di unità nazionale deve essere questo: collaborazione senza pregiudizi e furori ideologici".

L'idea del Lazio è quella di immunizzare i 500mila studenti che dal 16 giugno saranno alle prese con l'esame di maturità. La Regione pensa a un open day entro il 2 giugno, utilizzando l'app ‘tre click e 48 ore dopo ti vaccini'. Il siero prescelto con ogni probabilità sarà il Jonhson & Jonhson, che necessita di una sola dose. "Pensiamo sia importante far svolgere in tranquillità gli esami. La gran parte del personale docente e non docente avrà avuto il vaccino ed è importante che lo abbiano anche i maturandi. Stiamo studiando le modalità operative", ha spiegato l'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato.

"Vaccinare i maturandi ora è possibile e lo faremo. Torniamo alla normalità con i vaccini e pensando a tutti. È giusto pensare a ragazzi e ragazze che hanno di fronte questa prova, dopo due anni difficili anche per lo studio e la vita sociale", ha detto il governatore Nicola Zingaretti.

Secondo i presidi italiani questa potrebbe essere una soluzione adottata in tutte le Regioni italiane. "Credo sia un'idea condivisibile, utile anche a diffondere maggiormente tra i ragazzi la cultura della vaccinazione", ha detto a LaPresse, Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi. "Si potrebbe pensare di attuarla in tutte le regioni, questo permetterebbe agli studenti di affrontare l’esame con maggiore tranquillità e sicurezza", ha aggiunto. L'idea piace anche alla Flc Cgil: "Le vaccinazioni per i maturandi andrebbero realizzate in tutte le Regioni. È ottimo se ci sono le condizioni per vaccinare i maturandi: più va avanti la campagna di vaccinazione, meglio è", ha commentato il segretario Francesco Sinopoli.

"È una buona idea organizzare degli open day per far fare i vaccini ai maturandi. Sarebbe utile sollecitare tutti i presidenti delle Regioni a fare la stessa cosa", ha detto all'Ansa Maddalena Gissi che guida la Cisl Scuola.