465

condivisioni

CONDIVIDI
17 Settembre 2021 11:05

Perché i lavoratori senza green pass non rischiano il licenziamento

Nel decreto legge varato ieri dal governo, che estende l'obbligo di green pass a tutti i lavoratori dal 15 ottobre, viene prevista una sanzione chiara a livello disciplinare in caso di violazione: la sospensione fino al 31 dicembre 2020 senza stipendio. In nessun caso, però, il lavoratore potrà essere licenziato per non aver presentato il green pass.
A cura di Tommaso Coluzzi

I sindacati lo avevano detto, uscendo da Palazzo Chigi dopo il vertice di mercoledì pomeriggio: il governo gli ha garantito che non si sarebbe arrivati in nessun caso al licenziamento. E così sarà. Il green pass obbligatorio per tutti i lavoratori scatterà a partire dal 15 ottobre, per effetto del decreto varato ieri in Consiglio dei ministri che prevede anche una serie di sanzioni – disciplinari e pecuniarie – per chi si presenterà sul posto di lavoro senza avere la certificazione verde. Per i dipendenti pubblici la mancanza di green pass equivale ad un'assenza ingiustificata, alla quinta scatta la sospensione dal lavoro e dallo stipendio. Per i dipendenti privati il discorso è praticamente identico, solo che può scattare anche dalla prima violazione.

Al sesto comma dell'articolo tre del nuovo decreto, in merito all'utilizzo del green pass per i lavoratori privati, si legge:

I lavoratori di cui al comma 1, nel caso in cui comunichino di non essere in possesso della certificazione verde COVID-19 o qualora risultino privi della predetta certificazione al momento dell’accesso al luogo di lavoro, sono sospesi dalla prestazione lavorativa, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro, e, in ogni caso, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per il periodo di sospensione non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato.

A risolvere ulteriormente i dubbi ci ha pensato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, intervenuto ieri nel tardo pomeriggio in conferenza stampa insieme ai colleghi di governo Speranza, Brunetta e Gelmini: "È un provvedimento che lascia discrezionalità, ci fermiamo prima dell'obbligo vaccinale che rappresenterebbe un'ulteriore polarizzazione e creerebbe un muro tra chi vuole vaccinarsi e chi no – ha spiegato – La norma è scritta per individuare una fattispecie totalmente nuova di sanzione per evitare che ci sia il licenziamento per chi non utilizza il green pass". Per questo motivo "la sanzione è la sospensione", ma "finita questa stagione si riprenderà nella dinamica ordinaria e ognuno riprende il proprio posto di lavoro". La sospensione, infatti, decade con la fine dello stato d'emergenza fissata per il 31 dicembre 2020. Il ministro Orlando ci ha tenuto a sottolineare che "chi deve fare il tampone per lavorare ha diritto a un trattamento diverso, a un prezzo calmierato". Le sanzioni previste, invece, "comportano sospensioni" ma senza "nessun nesso con le attuali procedure che attengono alle sanzioni disciplinari". Insomma "sono misure non agganciate a percorsi che portano al licenziamento".

Il ministro del Lavoro ha chiarito anche alcuni punti su cui erano stati sollevati da subito alcuni dubbi: "In merito ai controlli il decreto dà già delle indicazioni, altri chiarimenti saranno affidati alla normativa secondaria se saranno necessarie implementazioni", ha spiegato. E poi ha aggiunto: "Anche l'abitazione è considerata in alcuni casi un luogo di lavoro e quindi la certificazione è richiesta, dovrà chiederla chi fa entrare i lavoratori in casa", parlando ad esempio di colf, badanti, idraulici e altri lavoratori che entrano dentro le abitazioni private.

Continua a leggere su Fanpage.it
Green Pass e Super Green Pass, le differenze e cosa cambia
Green Pass, come scaricare la certificazione verde sul cellulare: la guida
La deputata No Vax Cunial potrà entrare alla Camera senza Green pass
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni