Il video della consigliera presa a parolacce per aver detto che la Costituzione è antifascista

È successo a Marcon (Venezia): una consigliera comunale del Pd, Margherita Lachin, ha detto le parole “Costituzione antifascista” e c’è stata una sollevazione della maggioranza. Prima il il “vaffa” dal capogruppo di FdI, poi l’avviso del presidente del consiglio comunale: “Continui con i dovuti modi. Ha dato dei fascisti…”.
A cura di Luca Pons
84 CONDIVISIONI
Immagine

È bastata una parola per scatenare il caos nel Consiglio comunale di Marcon, in provincia di Venezia: "Antifascista". L'intervento è stato quello della consigliera Margherita Lachin, che ha affermato: "Riconosco la proprietà privata perché è riconosciuta nella nostra Costituzione antifascista". Immediatamente, dai banchi della maggioranza – e in particolare dal capogruppo di Fratelli d'Italia Stefano Franceschetto, secondo quanto ricostruito – è partito un sonoro "ma vaffa…", ripetuto più volte. Lachin non è riuscita a continuare il suo intervento e, come mostra il video della seduta, ha preso la parola il presidente del Consiglio municipale, Thomas De Rossi.

Doo aver chiesto di mantenere l'ordine – ed essersi limitato a chiamare Franceschetto – De Rossi si è poi rivolto a Lachin: "L'antifascismo c'entra abbastanza poco. La invito a continuare, gentilmente, con i dovuti modi". Una risposta dopo la quale Lachin ha insistito: "Trovo assurdo, assurdo la ripresa per aver affermato un dato di fatto. Ma è evidente che c'è qualcuno che ha un problema".

Qui si è riacceso lo scontro con De Rossi, che ha riacceso il suo microfono: "Consigliere, scusi un momento, mi faccia un chiarimento altrimenti le tolgo la parola. Definisca un ‘dato di fatto'. Ha dato del fascista… ha dato dei fascisti…". E la consigliera si è scaldata: "Non ho dato dei fascisti a nessuno". "E allora qual è il dato di fatto?". Il litigio è continuato: "Lei mi riprende perché ho detto ‘Costituzione antifascista' ed un consigliere mi ha offeso con una parolaccia?". "No, non la sto riprendendo, le sto chiedendo un chiarimento".

Il video dell'intervento è circolato rapidamente in rete, attirando la risposta indignata di molti compagni di partito della consigliera. La deputata Debora Serracchiani ha espresso "solidarietà" a Lachin, "colpevole di aver definito ‘antifascista' la nostra Costituzione, evidentemente uno scandalo tale da suscitare prima l'insulto dai banchi dei sedicenti ‘patrioti' e poi la reprimenda del presidente del Consiglio comunale. Dietro una facciata di rispettabilità ufficiale cova e diventa sempre più aggressiva una destra che non si riconosce nella storia del riscatto democratico nazionale". Stefano Bonaccini, presidente del Pd e capolista alle europee nel Nord-Est, ha telefonato alla consigliera: "È incredibile che chi guida le istituzioni si permetta di riprendere chi ricorda le radici antifasciste della Costituzione. Ho detto a Margherita di non mollare perché la sua è la battaglia di tutti gli italiani perbene".

Vanessa Camani, capogruppo del Pd regionale, ha preso le difese di Lachin: "Ormai il germe "vannacciano" ha pervaso la destra, con conseguenze molto pericolose per le nostre istituzioni. Quanto è accaduto alla nostra consigliera comunale è la rappresentazione drammatica di un mondo alla rovescia, nel quale definire antifascista la nostra Costituzione diventa eresia".

84 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views