35 CONDIVISIONI
Morte di Silvio Berlusconi

Cos’è questa storia del testamento colombiano di Berlusconi e chi è l’uomo che ha diffidato i figli

Un imprenditore italiano che vive in Colombia ha depositato un testamento speciale firmato da Silvio Berlusconi nel 2021: i due sarebbero stati amici, tanto che il Cavaliere gli avrebbe lasciato il 2% delle azioni di Fininvest, decine di milioni di euro e altre proprietà.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Tommaso Coluzzi
35 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Morte di Silvio Berlusconi

C'è un nuovo testamento firmato Silvio Berlusconi, e viene dalla Colombia. Per gli appassionati del genere, la successione del Cavaliere era stata fin troppo lineare. Nessun intrigo, nessuna sorpresa. L'unico sussulto è stato il lascito a Marcello Dell'Utri – meno scontato di quello destinato alla compagna Marta Fascina e al fratello Paolo – poi l'eredità di Berlusconi è stata divisa regolarmente tra i cinque figli, anche se non in parti uguali. Nessuna lite, la famiglia resta unita anche davanti a una spartizione miliardaria. Unita anche nel chiedere di non pagare la tassa di successione – come filtrato nei giorni scorsi – che poi non sarebbe neanche una cifra così elevata, in percentuale. Ma ora un nuovo testamento potrebbe cambiare tutto.

L'imprenditore torinese Marco Di Nunzio – 55 anni, residente in Colombia, candidato nel 2013 alla presidenza della Regione Lombardia con la lista Movimento Bunga Bunga – ha depositato pubblicamente presso uno studio notarile di Napoli, il 3 ottobre, un testamento speciale, non olografo (ovvero non scritto a mano), firmato da Silvio Berlusconi. Dopo la pubblicazione, l'avvocato ha diffidato i cinque figli di Berlusconi. Il documento, secondo quanto risulta, sarebbe stato stipulato il 21 settembre 2021 nello studio del notaio Jimenez Najera Margarita Rosa, a Barrio Espinal, in Colombia. Poi è arrivata anche l'apostilla della Cancelleria del ministero degli Esteri colombiano.

L'erede – che racconta di essere stato legato all'ex presidente del Consiglio da un rapporto di profonda amicizia – pretende di avere ciò che gli spetta, come specifica questo nuovo testamento: il 2% delle azioni di Fininvest, 26 milioni di euro, il 100% di una società che controlla le ville ad Antigua, nelle Antille, e una serie di imbarcazioni tra cui la Principessa VaiVia. Insomma, dopo il primo vero colpo di scena, ora è il momento degli avvocati.

35 CONDIVISIONI
202 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views