102 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 7 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 15 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
29 Luglio 2022
18:33

Chi sono i big dei 5 Stelle che non saranno candidati per la regola del doppio mandato

Con la regola del doppio mandato confermata sono molti i big del Movimento 5 Stelle che non saranno candidabili alle prossime elezioni politiche: dal presidente della Camera Fico ai ministri Dadone e D’Incà.
A cura di Tommaso Coluzzi
102 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Alla fine Giuseppe Conte ha deciso: la regola del doppio mandato è confermata in pieno. Dopo mesi di tira e molla, rinvii, voci di deroghe, ipotesi di voto degli iscritti, dichiarazioni furenti di Beppe Grillo uscite e poi smentite, altre voci di deroghe ci siamo: chi ha già svolto due mandati con il Movimento 5 Stelle non sarà ricandidato alle prossime elezioni del 25 settembre. Si tratta di un passaggio fondamentale in vista del voto imminente, perché – tra chi se n'è andato con Di Maio e chi resterà fuori per questa regola – il Movimento perderà praticamente tutti i suoi big nel passaggio da una legislatura all'altra.

Non saranno ricandidabili il presidente della Camera, Roberto Fico, la vicepresidente del Senato, Paola Taverna. E ancora: la ministra Fabiana Dadone, il ministro Federico D'Incà e l'ex guardasigilli Alfonso Bonafede. Non ci sarà spazio neanche per l'ex capo politico reggente, Vito Crimi, e per Riccardo Fraccaro. A rimanere fuori, in tutto, saranno una cinquantina di parlamentari che dovranno lasciare Montecitorio e Palazzo Madama senza poterci tornare – per ora – con il Movimento 5 Stelle.

Con un lungo post su Facebook Giuseppe Conte ha spiegato la decisione, ringraziando i parlamentari uscenti per il lavoro svolto e sottolineando che continueranno a fare politica. Anche se non è chiaro con che ruolo nel partito, eventualmente. "Abbiamo bisogno della loro esperienza, della loro competenza, della loro inguaribile passione", scrive Conte in un passaggio.

Per l'organizzazione delle liste è un assist non da poco, considerando che il Movimento 5 Stelle sarà il partito che perderà più seggi – probabilmente – rispetto a questa legislatura. Sia per effetto del calo enorme di consenso che per via del taglio dei parlamentari. Ora Conte e i suoi devono organizzarsi rapidamente e capire come presentarsi il 25 settembre. Sciolto questo nodo, che attendeva da mesi di essere affrontato, la campagna elettorale del Movimento – probabilmente in solitaria, anche questa volta – può cominciare.

102 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni