4.222 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
12 Agosto 2022
09:15

Berlusconi chiede dimissioni di Mattarella: “Se passa riforma presidenzialismo serve nuova elezione”

Silvio Berlusconi, citando il programma elettorale del Centrodestra, dice che con l’elezione diretta del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dovrebbe dimettersi. Ira di Letta: “Dopo aver fatto cadere Draghi vogliono fare cadere Mattarella”.
A cura di Annalisa Cangemi
4.222 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Per il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi sarebbe questa la prima conseguenza dell'elezione diretta del Capo dello Stato: Mattarella dovrebbe lasciare il Quirinale. Con la riforma del presidenzialismo, uno dei punti menzionati nel programma elettorale del Centrodestra approvato ieri dai leader, secondo l'ex premier sarebbe necessaria una nuova elezione del Presidente della Repubblica. In sostanza, dice il leader azzurro, se entrasse in vigore la riforma del presidenzialismo "Mattarella dovrebbe dimettersi", per permettere un'elezione diretta del presidente della Repubblica e "poi magari potrebbe essere eletto di nuovo lui", ha spiegato in un'intervista a Radio Capital.

"Il presidenzialismo – ha aggiunto – è un sistema perfettamente democratico. Se entrasse in vigore questa riforma penso che sarebbero necessarie le dimissioni del presidente Mattarella per andare alle elezioni dirette del Capo dello Stato". 

Immediata la reazione del segretario del Pd Enrico Letta, dopo la dichiarazione del Cavaliere sull'ipotesi di dimissioni del Presidente della Repubblica: "Questa dichiarazione è la dimostrazione di quello che noi diciamo: per battere la destra l'unica alternativa è votare la coalizione che è nata attorno al Pd", ha detto ospite di Radio Anch'io. Il centrodestra "attacca Mattarella mentre noi – ha affermato – lo difendiamo. Il fatto che il centrodestra inizi la sua campagna con un attacco a Mattarella e la richiesta di dimissioni dimostra che la destra è pericolosa per il paese".

"Se oggi c'è un punto di unità nel paese è Mattarella e ora dopo aver fatto cadere Draghi vogliono fare cadere Mattarella", ha aggiunto.

Anche il leader di Impegno civico, Luigi Di Maio, commenta la notizia: "Berlusconi vuole il presidenzialismo perché vuole buttare giù Mattarella: e questi sarebbero i moderati? È una coalizione di destra che vuole destabilizzare il Paese", ha detto il ministro degli Esteri a Radio24. "Tutto quello che ho sbagliato nella mia vita, l'ho detto", ha aggiunto rispondendo a chi gli ha ricordato la sua richiesta di impeachment per il Capo dello Stato. "Mi sono preso le mie responsabilità". 

Ma cosa dice esattamente il programma del Centrodestra? La proposta, che porta il marchio di Fratelli d'Italia, si trova al punto 3 del documento licenziato ieri, nel paragrafo intitolato ‘Riforme istituzionali, della giustizia e della Pubblica Amministrazione, secondo Costituzione'. La riforma citata da Berlusconi è al primo punto, dove si legge solo ‘Elezione diretta del Presidente della Repubblica'. Accanto a quesa si trova anche la ‘Riforma della giustizia e dell'ordinamento giudiziario: separazione delle carriere e riforma del CSM', e a quanto si apprende sarebbe una separazione delle carriere dei magistrati molto più netta, rispetto alla riforma Cartabia, che consente di passare da giudice a pm (o viceversa) per una sola volta.

4.222 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni