1.110 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Maggio 2021
15:23

Vaccino Covid Campania, boom di adesioni tra i 40enni: 53mila prenotazioni nei primi due giorni

Boom di prenotazioni per le vaccinazioni anti-Covid19 in Campania tra i 40enni. Sono 53.521 le adesioni per le vaccinazioni nella fascia d’età tra 40-49 anni a meno di 48 ore dall’apertura della piattaforma online della Soresa, sabato, riservata al momento ai cittadini tra 45 e 49 anni. Da martedì 18 maggio potranno prenotare i 40-45enni.
A cura di Pierluigi Frattasi
1.110 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Boom di prenotazioni per le vaccinazioni anti-Covid19 in Campania tra i 40enni. Sono 53.521 le adesioni per le vaccinazioni nella fascia d’età tra 40-49 anni a meno di 48 ore dall’apertura della piattaforma online della Soresa, sabato, riservata al momento ai cittadini tra 45 e 49 anni. Questi i dati della Regione Campania sulle adesioni aggiornati alle ore 13,02 di domenica 16 maggio 2021. Martedì, invece, potranno prenotare anche i 40-45enni. Mentre le prenotazioni delle vaccinazioni tra i 50-59enni sono 323.068. Nel complesso le adesioni arrivati finora in Campania sono 2.048.753.

Quando partiranno le somministrazioni dei vaccini per i quarantenni? In alcuni casi già oggi, presso gli hub vaccinali come la Fagianeria del Bosco di Capodimonte e la Stazione Marittima, dove saranno vaccinati i 45 enni, con le prime 2mila somministrazioni. Si attende per mercoledì 19 maggio, invece, la nuova fornitura di vaccini Pfizer e Moderna, si tratta di 215mila dosi circa nel primo caso, delle quali oltre 37mila destinate all’Asl Napoli 1 Centro, 30 mila circa all’Asl Napoli 2 Nord e 36mila all’Asl Napoli 3 Sud. Nei prossimi giorni, quindi, grazie anche a questi nuovi arrivi, la campagna vaccinale per i 40enni dovrebbe registrare grossi passi avanti.

Intanto, i tempi per i richiami dei vaccini Pfizer e Moderna in Campania sono cambiati ancora, con le seconde iniezioni che sono passate da 30 a 35 giorni. Ancora al di sotto dei 42 giorni indicati dal Ministero della Salute italiano, ma superiori rispetto ai tempi precedenti: 21 giorni per il Pfizer e 28 per il Moderna. La decisione è arrivata il 13 maggio, con una nota dell’Unità di Crisi per l’emergenza Coronavirus indirizzata ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie e per conoscenza al presidente della Giunta Regionale della Campania, Vincenzo De Luca, e al suo capo di gabinetto.

1.110 CONDIVISIONI
31361 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni