Gli studenti dell'università Federico II di Napoli torneranno a svolgere le lezioni in presenza a partire da marzo: si comincerà con gli studenti iscritti al primo anno, per poi proseguire con quelli che frequentano gli anni successivi. A dichiararlo è stato il rettore dell'ateneo partenopeo, Matteo Lorito, a margine di un incontro con il ministro degli Affari Europei Enzo Amendola. "Ho dato una indicazione molto chiara già a novembre: andiamo verso l'apertura nei limiti giusti, evitando come fatto fino ad adesso che si sviluppano focolai. Ci siamo riusciti, sappiamo come farlo" ha detto il rettore della Federico II.

"Per marzo – ha annunciato ancora il rettore Lorito – avremo pronti i piani di rientro degli studenti. Partiremo da quelli dei primi anni. In ogni caso l'ateneo non si è mai fermato, l'attività di ricerca non si è mai fermata. Già oggi i nostri studenti possono fare esami, tirocini e sedute di laurea in presenza".

Il 1° febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori

Intanto, il Tar della Campania ha accolto un ricorso presentato da alcuni genitori e ha bocciato l'ultima ordinanza del governatore campano Vincenzo De Luca sulle scuole, decretando così che gli studenti delle superiori debbano tornare in aula, in presenza, entro il 1° febbraio. Questi potrebbero dunque essere gli ultimi giorni di Dad (didattica a distanza) per gli studenti delle superiori, che faranno quindi ritorno in classe, in presenza, entro il 1° febbraio, a meno che la Regione Campania non impugni a sua volta la sentenza del Tribunale amministrativo regionale, facendo slittare ulteriormente il ritorno in presenza.