Una ragazza di 31 anni è morta bruciata dalle fiamme. Per cause ancora da accertare ha perso la vita a causa di un incendio divampato nel giardino della sua abitazione alla periferia nord di Castellammare di Stabia. Stando a quanto si apprende, a dare l'allarme sarebbe stata la mamma, che viveva insieme a lei.

La ragazza è morta al centro Grandi Ustionati del Cardarelli di Napoli

Sul posto sono arrivati i sanitari del 118, che hanno accompagnato d'urgenza la giovane all'ospedale San Leonardo. Le sue condizioni, però, erano così gravi che i medici hanno subito disposto il suo trasferimento al centro Grandi Ustionati dell'ospedale Cardarelli di Napoli. La ragazza, purtroppo, è morta poco dopo il suo arrivo a causa delle ustioni su tutto il corpo. Sul caso stanno indagando gli agenti del commissariato di Castellammare di Stabia, che stanno cercando di ricostruire nel dettaglio quanto accaduto. Nessuna ipotesi è stata scartata dagli investigatori, per il momento, neanche quella del suicidio. La vittima, riporta il Mattino, è Teresa R., una 31enne stabiese. Non sono chiare, come detto, le cause dell'incendio divampato all'interno del giardino dell'abitazione della ragazza. Sulla vicenda stanno indagando i poliziotti del commissariato  di Castellammare di Stabia. È possibile che il magistrato di turno disponga l'autopsia sul corpo della ragazza, ma secondo le prime ricostruzioni, riporta il Mattino, probabilmente si è trattato proprio di un caso di suicidio. Per il momento, però, come anticipato, non c'è certezza sulla dinamica dell'accaduto. Probabilmente nelle prossime ore la mamma della vittima verrà ascoltata dagli investigatori.