390 CONDIVISIONI
27 Luglio 2022
11:20

Tangenti per gli appalti di una scuola elementare: arrestato sindaco nel Beneventano

Si tratta di Mauro De Ieso, sindaco di Pago Veiano, finito agli arresti domiciliari insieme a un imprenditore e a un tecnico di loro fiducia.
A cura di Valerio Papadia
390 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Bufera a Pago Veiano, piccolo centro in provincia di Benevento, dove questa mattina il sindaco Mauro De Ieso è stato arrestato dai finanzieri della tenenza di Piedimonte Matese. Il primo cittadino è finito agli arresti domiciliari, come disposto dal gip del Tribunale di Benevento su richiesta della locale Procura, insieme a un imprenditore e a un tecnico di loro fiducia: nei loro confronti gravi indizi di colpevolezza in merito alla commissione di più delitti di corruzione e turbata libertà degli incanti, volti ad agevolare il suddetto imprenditore nell'aggiudicazione di un appalto per la costruzione di una scuola elementare e di un appalto per il rifacimento di una strada provinciale per un valore complessivo di 5 milioni di euro.

Mazzetta di 90mila euro per ottenere gli appalti

L'attività di indagine delle Fiamme Gialle ha permesso di acquisire gli indizi di colpevolezza, mediante intercettazioni e servizi di ocp (osservazione, controllo, pedinamento). In particolare, secondo gli elementi acquisiti, il sindaco avrebbe interceduto con i componenti delle commissioni di gara affinché le aziende riconducibili all'imprenditore arrestato si aggiudicassero gli appalti per i lavori pubblici più importanti da svolgersi sul territorio comunale; il tecnico di fiducia predisponeva, invece, la documentazione amministrativa necessaria. L'accordo prevedeva che, in cambio della sua intercessione, al sindaco – e al tecnico – venisse corrisposta una tangente non inferiore ai 90mila euro.

Corrotti anche i commissari di gara: non sono ancora stati identificati

Secondo quanto stabilito dalle indagini, la corruzione non si limitava soltanto al sindaco, ma anche ai commissari di gara con i quali il primo cittadino intercedeva per far ottenere i bandi all'imprenditore, le cui società non avevano nemmeno i requisiti per partecipare: ai commissari – che non sono ancora stati identificati – veniva corrisposta una somma tra i 4mila e i 5mila euro. Dopo l'aggiudicazione del bando, inoltre, l'accordo prevedeva che venisse monitorato anche lo sviluppo di eventuali ricorsi presentati al Tar da parte dei concorrenti dell'imprenditore battuti nella gara d'appalto.

390 CONDIVISIONI
Tangenti per mezzo milione di euro sulle protesi mediche, arrestato ex primario a Benevento
Tangenti per mezzo milione di euro sulle protesi mediche, arrestato ex primario a Benevento
Caro energia a scuola, il Comune regala maglie e sciarpe agli alunni per l'inverno nel Salernitano
Caro energia a scuola, il Comune regala maglie e sciarpe agli alunni per l'inverno nel Salernitano
Scuole chiuse 2 giorni a Caserta per allerta meteo: la decisione del sindaco
Scuole chiuse 2 giorni a Caserta per allerta meteo: la decisione del sindaco
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni