Sei persone ammassate all'interno di un bar, intente a consumare cibi e bevande nonostante la zona rossa istituita in Campania per fermare l'avanzata del Coronavirus vieti agli esercizi commerciali come bar e ristoranti di permettere la consumazione sul posto, consentendo solo asporto e delivery: questa la scoperta effettuata dai carabinieri a Casandrino, nella provincia di Napoli. Nella fattispecie, i militari della stazione di Grumo Nevano, impegnati in controlli volti al rispetto proprio delle norme anti-Covid, sono entrati nel bar, gestito da una donna del posto, scoprendo sei clienti che erano intenti a consumare al bancone, che sono stati multati per non aver ottemperato ai divieti prescritti dalla zona rossa.

Nel bar anche slot e sigarette senza autorizzazione

I carabinieri hanno poi operato un controllo più approfondito all'interno dell'esercizio commerciale, scoprendo, in una sala attigua, cinque slot machine perfettamente funzionanti ma prive dell'autorizzazione dei Monopoli di Stato. Ancora, nel locale, i militari dell'Arma hanno rinvenuto circa 200 pacchetti di sigarette, messi in vendita dalla proprietaria dell'attività commerciale senza alcuna autorizzazione: in totale, alla donna sono state elevate sanzioni per un ammontare che supera i 55mila euro.

Durante i controlli, i carabinieri di Grumo Nevano hanno anche arrestato un uomo: sempre a Casandrino, i militari hanno notato un'auto con a bordo due uomini e hanno intimato l'alt; i due non si sono fermati e hanno tentato la fuga, ma sono stati bloccati dai carabinieri dopo un inseguimento, che si è concluso nella vicina Melito. I militari dell'Arma sono così riusciti a bloccare e ad arrestare uno dei due, mentre l'altro alla fuga a piedi.