Al Policlinico Vanvitelli, ospedale universitario dell'omonimo ateneo, nel cuore di Napoli, è stato attivato il primo ambulatorio pediatrico per curare i bambini, guariti dal Covid-19, che presentano ancora problemi respiratori anche dopo la negativizzazione. Nella fattispecie, il Reparto di Alta Specializzazione Malattie Respiratorie Pediatriche, coordinato dal professore Michele Miraglia Del Giudice, raccogliendo le richieste che arrivavano dal territorio, ha realizzato un percorso di follow-up per i bambini che hanno ancora manifestazioni respiratorie anche dopo aver sconfitto il virus. La visita nell'ambulatorio appena istituto si articola in questo modo:

  • test spirometrico, che valuta la funzionalità respiratoria
  • test del cammino, 6 minuti per valutare la frequenza cardiaca e la saturazione dell'ossigeno
  • ecografia polmonare, eseguita presso il Reparto di Radiologia

"Il 5% dei bambini ha contratto il virus e di questi il 6% ha rivelato complicanze respiratorie anche dopo la negativizzazione mostrando, per lungo tempo, tosse, dispnea e cefalea" ha spiegato il professor Del Giudice. "L’attivazione di questo Ambulatorio dimostra la costante attenzione che l’Azienda Ospedaliera Universitaria ha verso i bambini contagiati dal virus; grazie al fondamentale gioco di squadra Policlinico-Territorio è stato attivato un preciso follow up che consentirà un completo monitoraggio" ha spiegato invece Antonio Giordano, direttore generale del Policlinico Vanvitelli.

Secondo gli studi più recenti, il Long Covid – così viene chiamato il persistere di alcuni sintomi, che includono dispnea, nebbia cerebrale e dolori muscolari, anche molto tempo dopo la guarigione – colpisce una persone su dieci contagiata dal Coronavirus.