Coronavirus
2 Settembre 2021
15:48

Nuova manifestazione no pass a Napoli: poche decine di persone in piazza. I no vax litigano per parlare al megafono

Anche oggi manifestazione contro il green pass vaccinale con poche decine di attivisti no-vax a Napoli. Stavolta il luogo scelto era il Centro Direzionale, davanti la sede del Consiglio regionale della Campania. Tensione tra gli attivisti che chiedevano un incontro col governatore Vincenzo De Luca.
A cura di Ciro Pellegrino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Dopo il clamoroso flop di ieri, con un presidio cui si sono presentate soltanto due persone, anche oggi a Napoli manifestazione degli attivisti no-vax che manifestano contro il vaccino Covid-19 ma soprattutto contro l'obbligo di esibizione del passaporto vaccinale, il cosiddetto ‘green pass'. Stavolta la mobilitazione partiva dal Centro Direzionale di Napoli, partita con meno di cento persone (circa 70, alleo ore 15.30) tra i grattacieli di Poggioreale, davanti la sede del Consiglio regionale della Campania.

I no-vax hanno chiesto di incontrare il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca (che sta incontrando i dirigenti scolastici in vista del nuovo anno) ma sono stati respinti dalla Digos presente in piazza. A quanto apprende Fanpage.it, dalla Regione è arrivata disposizione di non avviare alcun dialogo, in alcun modo.  Poi, il paradosso: alcuni manifestanti hanno iniziato a litigare fra loro per chi dovesse parlare al megafono. 

Striscioni aggressivi, così come nello stile di questi manifestanti, evocano il nazismo, il rischio di presunte «terapie sperimentali con un siero», l'aggressione ai bambini («non sono cavie, so' piezze ‘e còre») e auspicano un "processo di Norimberga" per coloro che promuovono oggi la campagna vaccinale contro il virus Sars-CoV2 e il «terrorismo mediatico» secondo loro promosso dalla stampa italiana in favore della campagna per la somministrazione dei vaccini anti-Covid.

Ieri in occasione dell'annunciato blitz nella stazione centrale di Napoli si erano presentati soltanto due attivisti, con tanto di bandiera tricolore, sostenendo poi in un secondo momento che la manifestazione era stata annullata. Per domani il gruppo "Basta Dittatura", che annuncia via Telegram i suoi movimenti, ha avvisato gli attivisti di una manifestazione sotto le sedi regionali della Rai, compresa quella di Napoli in viale Marconi a Fuorigrotta.

27068 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni