Si è spento ad ottant'anni d'età il professor Leopoldo Milano, storico docente di Fisica Sperimentale all'Università Federico II di Napoli e già collaboratore presso l'Osservatorio Astronomico di Capodimonte. La notizia ha colpito soprattutto molti suoi ex studenti, rimasti affezionati al docente che ancora oggi contribuiva attraverso i suoi canali social a diffondere notizie e ricerche nel mondo della Fisica. Originario di Piano di Sorrento, si era laureato in Discipline Nautiche a Napoli nel 1965, ma la sua passione per l'Astronomia lo aveva sempre contraddistinto.

Dopo aver lavorato all'Osservatorio Astronomico di Capodimonte, divenne docente di Fisica Sperimentale nella Facoltà di Scienze Biologiche all'Università Federico II di Napoli, dove per oltre trent'anni ha formato intere generazioni di studenti, prima di andare in pensione qualche tempo fa. Nel 1987 aveva anche fondato a Napoli un gruppo di ricerca sperimentale, ancora oggi attivissimo nell'ambito VIRGO, il rivelatore di onde gravitazionali costituito da un imponente interferometro ottico che fa capo all'Osservatorio Europeo di Onde Gravitazionali.

Appena un anno fa, a febbraio, l'ultimo riconoscimento: il premio Sorrento nel Mondo consegnatogli dal Lions Club Penisola Sorrentina. "Al Professore Leopoldo Milano", si legge nella motivazione, "amante della ricerca della verità, che ha aiutato l’umanità a capire un po’ di più sull’universo che ci circonda", e che "con la sua passione e i suoi studi ha contribuito alla rivelazione delle onde gravitazionali, una nuova finestra sulla osservazione del cosmo. Da Maestro", concludeva la motivazione del premio "ha attratto attorno a sé tanti giovani e continua a fare ricerca e ad essere esempio per gli studenti".