173 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
7 Marzo 2022
21:10

I doni e la lettera ai bimbi ucraini della piccola Giorgia, 10 anni: “Speriamo passi presto questo brutto momento”

La lettera della bimba di 10 anni incollata al pacco coi doni per i bimbi ucraini. La mamma: “Non voleva solo inviare qualcosa, voleva far sentire la sua vicinanza ai bambini”
173 CONDIVISIONI
Il pacco della bimba agli ucraini / foto Fanpage.it
Il pacco della bimba agli ucraini / foto Fanpage.it
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Ognuno fa quel che può. Rispetto al conflitto in Ucraina e ai bombardamenti russi che stanno facendo anche numerose vittime civili c'è da restare sconcertati. Ma c'è anche da rimboccarsi le maniche, per aiutare chi è lì e per aiutare chi sta arrivando in Italia, in fuga da un conflitto e senza possedere più niente.

Ci sono tanti modi per aiutare la popolazione ucraina e i profughi: il primo ovviamente è quello di spedire cose utili ai centri che in Ucraina stanno distribuendo gli aiuti provenienti da ogni parte d'Europa. Anche i bambini – che guardano la tv, ascoltano e sono esposti alle notizie sul conflitto più e peggio degli adulti – vogliono far qualcosa. È il caso della piccola Giorgia, 10 anni, di Melizzano, (Benevento) raccontato sui social dalla mamma, Mariarosaria:

In casa ed a scuola si è cercato di ‘spiegare' la situazione che ad ogni modo ci sta travolgendo. I bambini ascoltano, le immagini scorrono… e così Giorgia ha' sentito dentro di sé' ‘ la guerra… L'altro giorno le maestre hanno informato alunni e genitori di una raccolta di generi alimentari e non, a sostegno della popolazione ucraina.

Dunque cosa è accaduto?  Tornata a casa Giorgia ha preparato un pacco con gli aiuti. Ma voleva fare di più: accompagnarlo, ricoprirlo di parole di speranza che potessero passare oltre il confine geografico e linguistico.

Spiega la mamma a Fanpage.it: «Giorgia sentiva che era ‘poco' ed ha detto: ‘devo fare di più, devono capire che io li capisco, che gli sono vicina, che noi pensiamo a loro e preghiamo con loro, che io sono loro… E così ha scritto un messaggio di pace, amore e solidarietà, nella loro e nostra lingua, sui biscotti da donare».

E la letterina scritta di suo pugno e incollata al pacchetto è questa: «Ciao mi chiamo Giorgia, ho 1o anni. La mia scuola, col mio comune, hanno pensato di inviarvi qualcosa. Speriamo che questo brutto momento passi subito».

173 CONDIVISIONI
2702 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni