La Campania si appresta alla sua quinta settimana in zona rossa. I dati di incidenza del virus sulla popolazione (rapporto fra tamponi e positivi) sono in discesa, tuttavia restano stabili e alti i numeri dei positivi attivi e delle persone che hanno contratto Covid-19 e risultano sintomatici. Si tratta per lo più di paucisintomatici, ovvero di persone che accusano problemi tali da non determinare il ricovero ospedaliero. Lo testimoniano i dati di Agenas che per quel che riguarda l'occupazione di terapie intensive e posti di degenza si tengono stabilmente sotto soglia critica.

Ieri i nuovi positivi in Campania al Sars-Cov-2 erano 2.314. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 34 decessi (32 nelle ultime 48 ore e 2 morti in precedenza ma registrati ieri, per un totale di 5.509 vittime) e 1.968 guarigioni (in totale 246.327 dall’inizio dell’epidemia). A quanto emerge dai dati contenuti nel bollettino diffuso dall'Unità di Crisi della Regione Campania, in 13 giorni ci sono stati oltre 500 morti di Covid.

La percentuale di positivi è del 9,43% contando il complessivo dei tamponi (seguendo il principio di calcolo adottato per le tabelle nazionali), ma sale all’11,9% se invece si tengono in considerazione soltanto i molecolari. I posti letto disponibili in Campania sono 3.160 per la degenza ordinaria (tra ospedali pubblici e offerta privata), quelli di Terapia Intensiva (per tutte le patologie) sono 656, dei quali 152 occupati da pazienti Covid.

I dati delle vaccinazioni in Campania aggiornati alle ore 12 del 4 aprile 2021 documentano che complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 666.492 cittadini. Di questi 258.854 hanno ricevuto la seconda dose. Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 925.346​.

La Campania resterà zona rossa anche dopo Pasqua, tra i fattori che hanno influenzato questa decisione c’è anche l’Rt, l’indice di contagio, che nella regione è pari a 1,33 (la soglia per far scattare la zona rossa è fissata a 1,25).