Covid 19
16 Settembre 2021
7:53

La situazione di giovedì 16 settembre sul Coronavirus in Campania

Via alle scuole superiori anche in Campania, primo vero banco di prova in vista dell’autunno per la tenuta pandemica da Covid. La curva del contagio intanto sembra stabile: poco meno di 400 casi nelle ultime 24 ore, con un nuovo decesso registrato. Intanto, De Luca ha prorogato la zona rossa per il campo rom di Giugliano.
A cura di Giuseppe Cozzolino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tempo di riapertura delle scuole superiori anche in Campania: da ieri, mercoledì 15 settembre, si registra il rientro nelle classi alla didattica in presenza anche per i ragazzi degli istituti superiori, e c'è massima attenzione ora soprattutto sui trasporti, sovraffollati specie nelle grandi città, che sono il primo vero banco di prova della tenuta pandemica da SARS-CoV-2, considerando anche che si tratta di ragazzi molti dei quali in età non vaccinabile. Ma massima allerta anche su docenti, personale scolastico e via dicendo, tutti con green pass per accedere agli istituti.

Intanto resta stabile la curva del contagio da Coronavirus in Campania: secondo i dati relativi all'andamento della pandemia in Campania diramati nelle ultime 24 ore dall'Unità di Crisi della Protezione Civile regionale sono 394 i nuovi casi positivi a Covid-19 che si sono registrati in tutta la regione, con un nuovo decesso. Regge anche la pressione ospedaliera, dove ad essere ricoverati sono quasi sempre i non vaccinati, che sviluppano la forma più grave della malattia da Covid. Nel mentre, con l'ordinanza numero 24 del 15 settembre 2021, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha prorogato la zona rossa nel campo rom di Giugliano, scattata lo scorso 2 settembre a causa dei numerosi casi di Covid-19 che si erano verificati al suo interno. La zona rossa sarà effettiva, salvo ulteriori proroghe, fino al 26 settembre.

27587 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni