La Polizia di Stato ha interrotto due partite di calcetto a Napoli e sanzionato per violazione alle norme anti Covid 19 persone, tra titolari e dipendenti delle strutture, giocatori e accompagnatori. Gli interventi nel quartiere Soccavo, nella zona occidentale di Napoli, e a Miano, nell'area nord. In entrambi i casi è stata disposta l'immediata chiusura dell'impianto sportivo, che era in funzione nonostante le misure anti contagio prevedessero specificamente che non potessero venire utilizzate.

Interrotte partite di calcetto a Soccavo e a Miano

A Miano gli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli sono intervenuti, su segnalazione della centrale operativa del 113, in una struttura sportiva di via Comunale Vecchia di Miano, dove era stata segnalata una partita di calcetto in corso. Sono stati identificati il titolare e altre sette persone, tra i 19 e i 48 anni; sono stati tutti multati. Scena analoga in serata dall'altro lato della città, a Soccavo: i poliziotti hanno raggiunto un centro sportivo di via dello Sport e hanno identificato un dipendente della struttura e 10 ragazzi, tra i 16 e i 21 anni; anche in questo caso per tutti è scattata la multa per inosservanza delle norme anti contagio.

Bar aperto oltre mezzanotte, multati titolare e clienti

A Fuorigrotta, in via Giulio Cesare, durante un servizio di controllo del territorio gli agenti del commissariato San Paolo hanno notato un bar ancora aperto dopo la mezzanotte e diversi clienti che stavano consumando bevande alcoliche all'estero. All'arrivo dei poliziotti i giovani hanno tentato di allontanarsi ma quattro di loro sono stati bloccati e sanzionati; multato anche il titolare dell'attività, che oltre all'infrazione delle norme anti contagio è responsabile anche dell'apertura del bar oltre l'orario consentito e della somministrazione delle bevande.