La Campania, come dimostra anche la decisione del Governo di inserire la regione in zona rossa – quella a maggior rischio Covid – è una delle regioni d'Italia più colpite da questa seconda ondata della pandemia di Coronavirus e gli ospedali del territorio sono ormai al collasso. Ecco perché, come reso noto già qualche giorno fa, il Dipartimento nazionale di Protezione Civile si sta adoperando per dotare la Regione Campania di altri 450 medici specializzati che possano aiutare i colleghi a combattere il Sars-Cov-2 nei nosocomi, con un bando aperto lo scorso 15 novembre e in scadenza domani, mercoledì 18 novembre: da qualche giorno è possibile vedere l'annuncio del Governo anche in televisione, durante gli stacchi pubblicitari, sulle reti Rai.

In Campania 450 medici: i profili ricercati

Come detto, si parla di medici specializzati, che possano aiutare a contrastare con più competenza quelle che sono le patologie collegate al Coronavirus. Sui canali web del Dipartimento di Protezione Civile, le figure specializzate richieste per la Campania sono così ripartite:

  • 150 specialisti in Anestesia e Rianimazione;
  • 100 specialisti in Malattie Infettive;
  • 100 specialisti in Malattie dell'Apparato Respiratorio;
  • 100 specialisti in Medicina e Chirurgia d'Accettazione e d'Urgenza.

"Dopo Calabria e Molise anche la Regione Puglia ha inoltrato alla Protezione civile la richiesta di un ospedale da campo per fronteggiare l'emergenza sanitaria. Questa guerra contro il Covid la vinciamo se combattiamo insieme, senza polemiche ma, con leale collaborazione, remando tutti nella stessa direzione: contenimento del contagio, messa in sicurezza degli operatori sanitari e rafforzamento delle reti sanitarie" aveva detto, qualche giorno fa, il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia.