14.639 CONDIVISIONI
5 Dicembre 2020
10:52

Infermiera picchiata al Cardarelli, in 4 tentano di cavarle un occhio

Una infermiera di 55 anni del Cardarelli di Napoli è stata aggredita nella notte da 4 persone, parenti di una ragazza ricoverata; l’hanno presa a calci e pugni e hanno tentato di cavarle un occhio. Si sarebbe trattato di una vendetta per i tempi di attesa del Pronto Soccorso giudicati troppo lunghi. Sul posto i carabinieri per le indagini, due degli aggressori già identificati.
A cura di Nico Falco
14.639 CONDIVISIONI

Una infermiera di 55 anni è stata ferocemente aggredita nella notte appena trascorsa nel Pronto Soccorso dell'ospedale Cardarelli, nella zona collinare di Napoli. Stando a quanto ricostruito è stata picchiata da quattro persone, familiari di una ragazza ricoverata, che l'hanno presa a calci e pugni e hanno tentato di cavarle un occhio. La donna è stata salvata dall'intervento dei colleghi, successivamente sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno identificato due dei responsabili; per loro si prospetta la denuncia per percosse e lesioni.

L'aggressione è avvenuta intorno alle 2 del 5 dicembre. Il motivo sarebbe nel tempo di attesa per le cure di una ragazza, che era stata portata al Pronto Soccorso perché lamentava dei dolori al petto. L'infermiera è stata aggredita dai genitori della ventenne e da altre due persone che erano con loro; si tratterebbe di altri familiari, ma su questo aspetto sono ancora in corso indagini. L'hanno presa a calci e pugni, non si sono fermati nemmeno quando la 55enne è caduta a terra, colpendola ripetutamente anche al volto e, come raccontato dai colleghi che sono intervenuti in sua difesa, hanno anche tentato di ferirla a un occhio. Subito dopo l'aggressione i responsabili si sono dileguati, i carabinieri sono arrivati pochi minuti dopo. La vittima ha raccontato che qualche ora prima dell'aggressione c'era stata già una accesa discussione con i parenti della ragazza, che si erano lamentati ritenendo che i sanitari non stessero facendo abbastanza e che i tempi di attesa fossero troppo lunghi. Refertata nello stesso Pronto Soccorso, l'infermiera è stata giudicata guaribile nel giro di dieci giorni.

"Attacchi ripetuti, continui, irrefrenabili, feroci e soprattutto premeditati – commenta l'associazione Nessuno Tocchi Ippocrate – tutto questo pare sia successo per non aver voluto attendere la registrazione della paziente al triage e le procedure dettate dai protocolli Covid. Una violenza perpetuata per circa 15 minuti al solo scopo di vendicarsi per una semplice attesa in una paziente stabile unicamente agitata".

Il Cardarelli: "Aggressione infermiera è di gravità inaudita"

"Quanto avvenuto stanotte è di una gravità inaudita. Un episodio inqualificabile che non può e non deve restare impunito". Lo afferma in una nota la Direzione Strategica del Cardarelli.

"Alla nostra infermiera e alla sua famiglia – si legge – va la solidarietà dell'intera Azienda Ospedaliera. Siamo pronti a costituirci Parte Civile e decisi a fare quanto in nostro potere per far sì che gli autori di questa violenza siano individuati e perseguiti. La sicurezza dei nostri operatori è da sempre una priorità assoluta, un obiettivo che perseguiamo tramite il servizio di vigilanza privata, ma anche di concerto con le forze dell'ordine".

14.639 CONDIVISIONI
Caos al Pronto Soccorso del Cardarelli, infermieri in assemblea permanente:
Caos al Pronto Soccorso del Cardarelli, infermieri in assemblea permanente: "Troppo lavoro"
Rapina alla pompa di benzina, picchiano con le spranghe i benzinai e tentano di investirli nel Napoletano
Rapina alla pompa di benzina, picchiano con le spranghe i benzinai e tentano di investirli nel Napoletano
Tentano di rapinarlo, poi gli sparano: 21enne ferito con due colpi di pistola a Ponticelli
Tentano di rapinarlo, poi gli sparano: 21enne ferito con due colpi di pistola a Ponticelli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni