Un bel gesto quello che il Comune di Maruggio, nella provincia di Taranto, in Puglia, ha voluto compiere nei confronti di Napoli: l'amministrazione comunale pugliese ha infatti dedicato due strade ad Annalisa Durante e a Silvia Ruotolo, entrambe vittime innocenti della camorra, uccise a Napoli la prima a 14 anni nel 2004 e la seconda a 39 anni nel 1997. È Alessandra Clemente, assessore ai Giovani del Comune di Napoli, nonché figlia di Silvia Ruotolo – assistette all'omicidio della madre dal balcone di casa – a raccontare la vicenda, con un lungo e commosso post su Facebook, in ricordo della sua mamma:

Un gesto molto bello. Mi commuove. Ringrazio a nome di mio padre Lorenzo, mio fratello Francesco e mio il Vice Sindaco di Maruggio, Giovanni Maiorano e tutta la comunità di Maruggio per questa dedica così inaspettata quanto cara. Ad Annalisa. A Silvia. Maruggio, Taranto, Puglia. La rabbia si stempera nella speranza. Da un lato le spaccherei quelle targhe perché questo mi resta della mia mamma? Un pannello stradale freddo rigido e lontano? Lei era tutt’altro. Era viva, calda, morbida e vicina. Ma vivo, caldo, morbido e vicino come la forza di un abbraccio è questo gesto e questo mi volge verso la speranza che lei non è morta invano ma alimenta l’amore, l’impegno ed il bene che in vita le hanno tolto, in altri.Attraverso pensieri, azioni, scelte. In me è così. Lei è più forte di loro! Continua a vivere mentre loro vivi, sono morti dentro. E noi anche, vivi portiamo la testimonianza della vita nel senso più vero e profondo ovvero impegnarsi contro le ingiustizie e ogni forma di violenza. Siamo felici quando siamo amati e amiamo