Balli e feste fino a notte fonda negli scorsi giorni in piazza Bellini. Con la zona gialla in Campania torna anche la movida. Centinaia i giovani assembrati in piazza Bellini, moltissimi senza mascherina, negli scorsi giorni, nonostante le rigide norme anti-contagio. Cori anche contro la Polizia. Domenica scorsa i festeggiamenti sono proseguiti fino alle 2 di notte ed è stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine. All'una di notte di domenica è intervenuta anche un'ambulanza del 118. Ma alcuni giovani sono rimasti a far festa in strada fino alla 4, come denunciato dal Comitato Vivibilità Cittadina. I controlli delle forze dell'ordine sul rispetto delle norme anti-Covid19 però non si ferma.

Raffica di multe

Ieri in piazza Bellini e ai baretti di Chiaia ci sono stati centinaia di controlli. Mentre sono 5 i locali chiusi per inosservanza delle norme anti-contagio. Ieri gli agenti del Commissariato Decumani hanno effettuato controlli nel centro storico e nelle zone della "movida" in piazza Bellini, via San Sebastiano, vico della Quercia e vico Cisterna dell’Olio. Identificate 44 persone, di cui 3 sanzionate poiché intente a consumare bevande in luogo pubblico oltre l’orario consentito. Inoltre, i poliziotti hanno controllato 4 esercizi commerciali in via Costantinopoli, in piazza Bellini, in via San Sebastiano e in vico della Quercia sanzionando i titolari per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché sorpresi a somministrare bevande ad avventori non seduti ai tavoli e per aver servito a tavoli formati da più di quattro persone non conviventi; infine, è stata disposta la chiusura dei locali da uno a 3 giorni.

Caos in piazza Bellini nella notte di domenica

I video di piazza Bellini piena di gente che festeggia a notte fonda di domenica scorsa sono eloquenti. Immagini, raccontano i residenti, che si sono ripetute anche nei giorni successivi. "Tutto questo – scrive il comitato Vivibilità Cittadina – quando stanno ancora morendo migliaia di persone per il COVID19 e si stanno bruciando miliardi di euro per le chiusure. I primi inconsapevoli nemici della salute pubblica e dell’economia sono proprio questi ragazzi, giovani o adulti, che dir si voglia, i quali pensano di poter esorcizzare la paura sfidando il virus e lo Stato, pensando di essere forti, che la pandemia colpisce solo i “vecchi barbosi nemici del divertimento ad ogni costo”, che loro non possono rinunciare ad uno spritz cicchetto o ad una birretta".

Controlli ai baretti Chiaia

Nella stessa giornata, gli agenti del Commissariato San Ferdinando, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e personale della Polizia Metropolitana, nell'ambito dei servizi di controllo del territorio finalizzati all'applicazione delle norme anti Covid-19 nella zona dei “baretti” e via Partenope, hanno identificato 159 persone sanzionandone 3 per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché trovate fuori dal proprio comune di residenza senza valida motivazione oltre l'orario consentito.

Nel corso dell’attività i poliziotti hanno controllato 11 esercizi commerciali e, nel transitare in via San Pasquale a Chiaia, hanno sanzionato il titolare di una hamburgheria poiché stava vendendo cibi e bevande d’asporto ad alcuni avventori oltre l’orario consentito; per il locale ed è stata altresì disposta la chiusura per 5 giorni.

Inoltre, su disposizione della Centrale Operativa i poliziotti sono intervenuti in via Bisignano per una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti da un’abitazione e, giunti sul posto, hanno sorpreso 6 persone, tutte prive della mascherina, che stavano partecipando ad una festa privata e le hanno sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19.

Infine, in via Riviera di Chiaia è stato bloccato e denunciato G.V., 51enne napoletano con precedenti di polizia, poiché sorpreso nuovamente ad esercitare l’attività di parcheggiatore abusivo e contestualmente gli è stato notificato un ordine di allontanamento.