2.863 CONDIVISIONI
Coronavirus
26 Luglio 2021
12:04

In Campania l’obbligo di mascherina all’aperto sarà prorogato fino a settembre

L’ordinanza della Regione Campania che obbliga a indossare la mascherina anche fuori casa, in strada, sarà prorogata fino a settembre. Lo annuncia il governatore Vincenzo De Luca, spiegando che è pronto ad estendere l’atto che scade a fine luglio: “Facciamo altre dieci ordinanze per rendere obbligatorie dieci mascherine, anche sulle orecchie”
A cura di Ciro Pellegrino
2.863 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

L'ordinanza della Regione Campania che obbliga – nel rispetto dell'ordinanza ministeriale – a indossare la mascherina anche fuori casa, in strada, sarà prorogata fino a settembre. Lo dice chiaramente il presidente Vincenzo De Luca che usa il suo tono sarcastico ma perentorio: «Facciamo altre dieci ordinanze per rendere obbligatorie dieci mascherine, anche sulle orecchie. Quando diciamo  che chi si vaccina è immunizzato per il 92% al massimo, dobbiamo sapere che anche con la seconda dose c'è un 10% che si contagia. Il vantaggio è che chiè  immunizzato non va in terapia intensiva e non ha problemi seri ma contagia a sua volta gli altri, quindi l'uso della mascherina dev'essere obbligatorio sempre anche quando si è vaccinati per la tutela propria e degli altri».

De Luca parla a margine di una visita al Policlinico di Napoli, preannunciando la proroga dell'ordinanza sull'obbligo delle mascherine all'aperto che scade a fine luglio e un possibile slittamento dell'apertura delle scuole in Campania: «È davvero un martirio portare la mascherina? Certo è un piccolo fastidio ma in cambio abbiamo una grande protezione e un aiuto per tornare alla vita normale. Un po' di buon senso».

Poi il discorso si sposta sulla movida e in particolare sulle immagini di discoteche aperte, soprattutto nella zona Ovest di Napoli (Bagnoli) e nell'area Flegrea (Licola e zone limitrofe), dove ci sono state numerose segnalazioni di utenti: «Avete visto – ha detto – le immagini dei locali notturni e delle discoteche? Anche quando fanno finta di avere ingressi controllati, venti, dieci, trenta persone, arrivano l'una-le due di notte e si scatenano, entrano centinaia di persone a fare quello che vogliono. Non va bene».

2.863 CONDIVISIONI
26970 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni