Sciolto il consiglio comunale di Pratola Serra, in provincia di Avellino, per "forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata". La decisione del Consiglio dei Ministri è stata presa questa sera, su proposta del ministero dell'Interno presieduto dal ministro Luciana Lamorgese. Domani, il prefetto di Avellino Paola Spena nominerà un commissario straordinario che guiderà il comune alle porte di Avellino per 18 mesi, in attesa di nuove elezioni amministrative.

Pratola Serra è noto soprattutto per i suoi stabilimenti industriali: si trova infatti a ridosso di Avellino, nella zona industriale di Pianodardine, ed ha dato il nome ai Motori modulari FIAT Pratola Serra, che proprio qui vengono prodotto. Già lo scorso anno, nell'agosto 2019, l'allora prefetto irpino Maria Tirone aveva insediato una commissione che indagasse sull'operato della giunta comunale, guidata dal sindaco Emanuele Aufiero, eletto nel giugno 2017. Ed oggi è arrivata la decisione dello scioglimento del comune, come comunicato dalla stessa presidenza del consiglio dei ministri. Questa la decisione ufficiale pubblicata e comunicata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri stessa:

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’interno Luciana Lamorgese, tenuto conto che, all’esito di approfonditi accertamenti, sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Pratola Serra (AV), a norma dell’articolo 143 del Testo unico sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267), affidandone la gestione a una Commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi.