Quattordici persone sono state multate per violazione delle norme anti Covid ad Ercolano, in provincia di Napoli: si erano ritrovate in un fondo agricolo e avevano organizzato una festa con tanto di focarazzo per Sant'Antonio Abate. I carabinieri, intervenuti per controllare quello che era stato segnalato come un incendio, hanno sorpreso i partecipanti e li hanno sanzionati.

L'intervento dei militari ieri sera, 16 gennaio, nei pressi di via della Barcaiola, stradina che dal centro di Ercolano si dirige verso le pendici del Vesuvio e su cui insistono diversi campi coltivati. I multati erano proprio in uno di questi: si erano riuniti e, come da tradizione, avevano anche allestito il fuoco, che poi è stato quello che li ha traditi, facendo partire la segnalazione verso la centrale operativa del 112 di un incendio in un fondo. All'arrivo dei carabinieri è stato subito chiaro che non c'era nessun rogo fuori controllo ma era in corso un pic nic. I partecipanti sono stati identificati ed è emerso che facevano parte di diversi gruppi familiari, alcuni provenienti anche da zone vicine. Il fuoco, nonostante le fiamme fossero alimentate anche dal vento, non ha creato danni.

La scorsa notte i carabinieri, nel piano di controlli predisposti dal Comando Provinciale, sono intervenuti anche in piazzetta Sansevero a Capodimonte, nel rione Sanità, nel centro di Napoli dove stava per essere acceso un altro focarazzo: alcuni giovani avevano appena riposto una catasta di legno all'interno di un contenitore della raccolta dei rifiuti. La legna, sequestrata, è stata recuperata da una ditta specializzata.