Giacomo Pascale (lista "Il Faro") e Domenico De Siano ("Per sempre Lacco Ameno"). Il primo , sicuro di aver vinto, il secondo non certo di aver perso. Il risultato è una notte di tensioni a Lacco Ameno, comune dell'Isola di Ischia, allo spoglio  per le Elezioni Comunali di ieri.  Cosa è accaduto?  Un caso più unico che raro: 1.451 preferenze a testa: perfetta parità. In questo caso si va al ballottaggio. Ma Pascale, ex sindaco, era così convinto di essere stato eletto (per 3 voti) che aveva già iniziato a rilasciare dichiarazioni ai giornali. De Siano, senatore e coordinatore di Forza Italia in Campania, invece  è rimasto ad attendere i voti contestati.

Risultati: un cambio di scenario: lotta nel seggio coi rappresentanti di lista voto dopo voto, l'arrivo della polizia per placare gli animi e per evitare risse da bar durante la chiusura delle operazioni di conteggio, riconteggio e redazione del verbale da parte di presidente di seggio e scrutatori e alla fine, la sorpresa. In una sezione, la numero 3 (la stessa di cui parla Pascale nel video girato durante le tensioni al seggio)  le 25 schede nulle al riconteggio non sono rimaste tali e qualcuna è stata riassegnata. Una decisione che è risultata decisiva alla fine del risultato finale del primo turno. Poco dopo le 21 , la decisione: parità perfetta e secondo turno di ballottaggio, assolutamente inusuale per un comune come Lacco Ameno con popolazione inferiore ai 15mila abitanti e che dunque per regola dovrebbe eleggere la fascia tricolore al primo turno. Si attende una campagna elettorale bis infuocata, visto quanto accaduto.