Covid 19
6 Settembre 2021
14:08

Ecco come sono fatti i tamponi salivari per gli alunni delle scuole dell’obbligo in Campania

Il primo a predisporre tamponi salivari scolastici è il comune di Ottaviano, zona vesuviana, provincia di Napoli. Spiega il sindaco :” Saranno utilizzati tamponi assolutamente non invasivi, ai quali anche i bambini più piccoli si possono sottoporre e che garantiscono un’altissima attendibilità”.
A cura di Redazione Napoli
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

È Ottaviano, comune del Vesuviano, provincia di Napoli, il primo a portare avanti l'iniziativa  del tampone salivare rapido nelle 48 ore precedenti all’inizio delle lezioni per le scuole. L’iniziativa dell’amministrazione comunale si inscrive nella campagna di prevenzione sanitaria al Covid-19 in favore di tutta la platea scolastica frequentante i tre istituti comprensivi del territorio, mediante la realizzazione di uno screening a tappeto presso le scuole entro le 48 ore antecedenti la ripresa dell’anno scolastico.

Spiega il Comune:

Saranno utilizzati tamponi assolutamente non invasivi, ai quali anche i bambini più piccoli si possono sottoporre e che garantiscono un’altissima attendibilità. I dirigenti scolastici, in queste ore, stanno trasmettendo il numero complessivo degli alunni che saranno sottoposti al test, poi partirà lo screening.

«Riteniamo che questa iniziativa fondamentale per iniziare la scuola in sicurezza. Vogliamo garantire a tutti gli alunni – e relative famiglie- una partenza sicura, salvo poi continuare la frequenza monitorata quotidianamente, scongiurando sin dal primo giorno che l’esistenza di positivi asintomatici possa creare, sin da subito, potenziali focolai nelle classi coinvolte», dichiarano il sindaco Luca Capasso e l’assessore all’istruzione Virginia Nappo.

Il presidio dei Cobas scuola a Napoli

Intanto oggi i Cobas Scuola saranno in presidio oggi alle 18, in piazza Plebiscito a Napoli, con l'obiettivo di consegnare in prefettura un documento contenente alcune richieste in vista della conversione del decreto che ha esteso l'obbligo di Green pass per il personale della scuola e dell'università e per gli studenti degli atenei. La richiesta è che vengano espunti l'obbligo di esibire il certificato verde per tutto il personale scolastico e per gli studenti universitari e la sospensione dal servizio e dalla retribuzione per i lavoratori che non ottemperano all'obbligo. Si chiede, inoltre, disponibilità a garantire tamponi salivari gratuiti per tutti.

28173 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni