3.690 CONDIVISIONI
26 Maggio 2022
8:02

È morto Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio e sindaco di Nusco: aveva 94 anni

Il sindaco di Nusco, ex leader della Democrazia Cristiana e presidente del Consiglio si è spento in una casa di cura di Avellino, dove stava seguendo un percorso di riabilitazione dopo un’operazione al femore: aveva 94 anni. Domani i funerali, ai quali presenzierà anche Sergio Mattarella.
A cura di Valerio Papadia
3.690 CONDIVISIONI

Si è spento Ciriaco De Mita, sindaco di Nusco (Avellino), già presidente del Consiglio, ministro e segretario della Democrazia Cristiana: aveva 94 anni. De Mita è morto nella casa di cura Villa dei Pini di Avellino, dove era ricoverato per seguire un percorso di riabilitazione dopo la rottura del femore: il decesso è avvenuto alle prime luci di questa mattina, giovedì 26 maggio 2022. A rendere nota la morte di Ciriaco De Mita è stato il vicesindaco, Walter Vigilante. I funerali dell'ex Dc si terranno venerdì 27 maggio, nella chiesa di Sant'Amato proprio a Nusco, alle ore 18.30: alla cerimonia prenderà parte il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Lo scorso aprile le condizioni di salute di De Mita avevano destato preoccupazione: l'ex premier era infatti stato ricoverato all'ospedale Moscati di Avellino per un'ischemia. Nel febbraio del 2022, invece, il sindaco di Nusco era stato ricoverato, proprio all'ospedale Moscati, per essere sottoposto a un intervento chirurgico in seguito alla rottura, come detto precedentemente, di un femore: l'operazione era riuscita e De Mita era tornato a casa.

Morto Ciriaco De Mita, carriera politica: da leader DC a premier

Nato proprio a Nusco, in Irpinia, il 2 febbraio del 1928, Ciriaco De Mita, dopo il diploma al Liceo Classico, si era laureato in Giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, per poi lavorare all'ufficio legale di Eni. Nel 1953 inizia la carriera politica: aderisce alla corrente "Sinistra di Base" e, con essa, nel 1956 viene eletto consigliere nazionale di Democrazia Cristiana. Eletto per la prima volta deputato nel 1963, entrò a far parte per la prima volta del governo nel 1968, quando venne eletto sottosegretario al Ministero dell'Interno.

Dopo aver ricoperto, negli anni Settanta, vari incarichi di governo, tra cui anche il ministro, fu negli anni Ottanta, però, che Ciriaco De Mita raggiunse l'apice della sua carriera politica: nel 1982, infatti, il politico irpino divenne segretario nazionale della DC (carica che ha ricoperto fino al 1989). Nel 1988, poi, De Mita divenne presidente del Consiglio dei Ministri, fino al 1989; in quest'anno, e fino al 1992, De Mita ha poi ricoperto la carica di presidente della Democrazia Cristiana.

De Mita non fu solo protagonista della vita politica nazionale, ma la sua presenza – e la sua corrente all'interno della Dc, i "demitiani" – incise profondamente sulla linea della "Balena Bianca" e sulla politica in Campania. Ovviamente, come in ogni caso, luci e ombre: basti pensare  alle vicende legate alla ricostruzione post-terremoto 1980 in Irpinia e alle accuse di speculazione portate avanti dall'opposizione guidata dall'allora Partito Comunista Italiano.

Il potente democristiano tra satira e ironia

De Mita fu per la sua caratteristica parlata (sostituiva la lettera T con la lettera D) era spesso preso di mira dalla satira televisiva: celebre l'imitazione del ‘Bagaglino' di Castellacci e Pingitore al Salone Margherita di Roma con Mario Zamma che interpretava il potente Dc e Pippo Franco. Altrettanto celebre la battuta di Renzo Arbore in un film dal titolo lunghissimo, «FF.SS. – Cioè: "…che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?"» in cui Arbore, scalcagnato manager dei musicisti, definiva De Mita «'O padrone ‘e ll'Italia», ovvero il padrone d'Italia.

De Luca: "Ha rappresentato le esigenze del Mezzogiorno"

Appresa la notizia della scomparsa di Ciriaco De Mita, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha dichiarato: "Scompare con Ciriaco De Mita uno dei massimi esponenti del cattolicesimo democratico del nostro Paese. È stato il politico che ha rappresentato con maggiore coerenza e tenacia le esigenze del Mezzogiorno d'Italia e della sua terra. Scompare uno dei rari esponenti politici che ha sempre tentato di legare sempre l'azione politica a un percorso di lungo periodo".

Il cordoglio del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi

Anche il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha voluto esprimere, a nome suo e dell'amministrazione comunale "profondo cordoglio per la scomparsa dell'ex Presidente del Consiglio e Sindaco di Nusco Ciriaco De Mita. Al mondo della politica mancheranno l’intelligenza e la lucidità della sua analisi politica in particolare sul Mezzogiorno al quale, fino all’ultimo giorno, ha dedicato la sua vita all’interno delle Istituzioni".

Cirino Pomicino: "Ha sempre fatto gli interessi del Paese"

Al cordoglio per la morte di Ciriaco De Mita si è unito anche Paolo Cirino Pomicino, che nel governo De Mita ricoprì il ruolo di ministro della Funzione Pubblica. "Nella sua idea di politica – ha detto Cirino Pomicino – un conto erano le divisioni tra i partiti su alcune questioni, anche importanti, ma un'altra – ha aggiunto l'ex ministro – era la ricerca di tutte le intese possibili per proseguire una battaglia politica. In questo senso, pur avendo un carattere spigoloso, possedeva una dimensione tale da diventare il segretario più longevo nella storia della DC".

Bassolino, tra noi confronto con rispetto e stima

"Grande dispiacere e tristezza per la scomparsa di Ciriaco De Mita. È stato un protagonista di primo piano nella vita del paese, un leader animato da forte passione politica, un uomo legatissimo alla sua terra tanto da essere fino alle sue ultime ore di vita sindaco di Nusco. Ci siamo sempre confrontati con grande rispetto e reciproca stima e simpatia: un abbraccio ai familiari". Così, su Facebook, Antonio Bassolino, già sindaco di Napoli e presidente della Regione Campania, ricorda lo scomparso leader politico.

3.690 CONDIVISIONI
Morto Antonio Peluso: fu sindaco di Casalnuovo e consigliere regionale in Campania
Morto Antonio Peluso: fu sindaco di Casalnuovo e consigliere regionale in Campania
Morto Aldo Balocco, presidente onorario dell’azienda dolciaria: aveva 91 anni
Morto Aldo Balocco, presidente onorario dell’azienda dolciaria: aveva 91 anni
7 di Videonews
Morto Leonardo Del Vecchio, il fondatore di Luxottica: aveva 87 anni
Morto Leonardo Del Vecchio, il fondatore di Luxottica: aveva 87 anni
977 di Videonews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni