126 CONDIVISIONI
4 Luglio 2022
9:09

Droga per più di un milione di euro e armi da guerra interrate sui Monti Lattari: un arresto

Armi da guerra e 35 chili e mezzo di cocaina interrati nel terreno, a cui si aggiungono coltivazioni di cannabis: questo è quanto ritrovato dai carabinieri alle pendici dei Monti Lattari. Arrestato un esponente del clan Afeltra – Di Martino.
A cura di Beatrice Tominic
126 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Armi da guerra e droga nascosta sotto terra: questo è quanto hanno rinvenuto i carabinieri nel corso dell'operazione "Green Life", durante un intervento in un terreno alle pendice dei Monti Lattari, area naturale protetta fra la costiera sorrentina e l'agro nocerino-sarnese. È qui che, nel suo fondo agricolo, N.G., un allevatore di 41 anni di Agerola, già conosciuto alle forze dell'ordine e considerato appartenente al clan Afeltra – Di Martino conservava droga e armi da guerra.

L'arrivo dei carabinieri

La posizione geografica in cui si trova questo terreno, fra i campi fertili per le coltivazioni, si presta come rifugio per attività criminali grazie alla difficoltà nel raggiungere determinati luoghi: per questa ragione, insieme ai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia, è stato richiesto l'intervento dello squadrone eliportato Cacciatori "Calabria", oltre all'utilizzo dei droni del nucleo investigativo di Napoli.

Il ritrovamento e l'arresto

Nel corso di queste operazioni, i carabinieri hanno rinvenuto delle armi da guerra conservate poco distante da un porcile: una pistola Desert Eagle calibro 44 magnum con caricatore e 47 cartucce, una mitragliatrice Micro Uzi calibro 9 con matricola abrasa e silenziatore, 3 serbatoi e 15 proiettili. Le armi erano state nascoste sottoterra dentro ad una busta di cellophane insieme ad altre 37 cartucce calibro 7.62 e 5 calibro12. Sulle armi saranno effettuati accertamenti balistici e dattiloscopici per scoprire se siano state utilizzate per commettere reati. Nel frattempo l'uomo è stato trasportato in carcere e dovrà dovrà rispondere di detenzione illegale di armi clandestine e munizioni.

La droga

Oltre alle armi, nel corso delle operazioni è stata trovata anche una grande quantità di droga. Nello specifico i carabinieri hanno rinvenuto 35 chili e mezzo di cocaina finissima compattata in 31 sacchi di cellophane che avrebbe prodotto un guadagno di circa un milione di euro a cui si aggiungono 20 chili di marijuana già essiccata, un bilancino di precisione e 2 flaconi di fertilizzante. Nella zona del Monte Faito, fra le cime più alte dell'anti-appennino stabiese, invece, sono state rinvenute 50 piante di cannabis alte un metro e 20 centimetri a cui si aggiungono altre 50 piante della stessa specie trovate ad appena 7 chilometri di distanza, in località Chiane a Gragnano: sono state tutte distrutte sul posto.

126 CONDIVISIONI
Incendi sui Monti Lattari, canadair in volo per spegnere le fiamme
Incendi sui Monti Lattari, canadair in volo per spegnere le fiamme
Droga e armi, chiuso L'Incrocio di Torre Annunziata. I figli del gestore:
Droga e armi, chiuso L'Incrocio di Torre Annunziata. I figli del gestore: "Paghiamo errori di nostro padre"
In auto con una pistola a Bagnoli, arrestato:
In auto con una pistola a Bagnoli, arrestato: "Questa macchina non è mia"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni