Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Marito e moglie uccisi dal Coronavirus nel giro di sette giorni. La comunità di Bellizzi, nel Salernitano, fa i conti con l'ennesima famiglia stroncata dall'infezione: Raffaele De Sio, 69 anni, è morto a causa dell'infezione da Covid-19 riscontrata un mese fa: le sue condizioni si erano aggravate ed era già ricoverato all'ospedale di Agropoli, dopo le iniziali cure all'ospedale di Battipaglia. Appena sette giorni prima la moglie, Maria Rosaria Di Lieto, anche lei 69enne, era deceduta invece all'ospedale "San Giovanni Di Dio e Ruggi d'Aragona" di Salerno, anche lei per complicazioni provocate dal coronavirus.

La vicenda ha scosso l'intera comunità: Raffaele De Sio era molto conosciuto in zona, stimato sindacalista della CGIL, ed anche il sindaco di Bellizzi, Domenico Volpe, ha voluto ricordarli con un messaggio. "Esprimo tutto il mio cordoglio alla famiglia De Sio e Di Lieto. Nostri concittadini, Raffaele e Maria Rosaria sono una coppia che è rimasta unita anche nell'aldilà", ha commentato il sindaco, che ha poi aggiunto "profonda tristezza" per la notizia appresa. Ma in tutta la provincia di Salerno i contagi da Covid sembrano continuare ad aumentare a ritmi veloci: complice anche la variante inglese, molto più rapida nel diffondersi, in tutta la provincia i casi aumentano in maniera esponenziale e costringono i sindaci ad ordinanze ad hoc per limitare gli spostamenti e le occasioni di contagio. Situazione simile al resto della Campania, che in queste ore rischia seriamente di essere spostata da zona arancione a zona rossa dell'emergenza Covid proprio a causa dell'improvvisa impennata di contagi.