261 CONDIVISIONI
Covid 19
8 Novembre 2020
18:36

Covid, lockdown in Cilento: a Novi Velia il sindaco chiude la città fino al 20 novembre

Lockdown a Novi Velia, in provincia di Salerno. Il sindaco “chiude” la città fino al 20 novembre: divieto di ingresso e di uscita, sospese tutte le attività pubbliche e private, compresi i cantieri edili. Stop alle messe e funzioni religiose, non si potrà uscire di casa se non per “validi e comprovati motivi”. Stabilite anche le fasce orarie per portare fuori i propri animali domestici: 7-8 del mattino e 16-17 del pomeriggio.
A cura di Giuseppe Cozzolino
261 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Troppi casi di coronavirus a Novi Velia, nella provincia di Salerno: e il sindaco corre ai ripari. Città "chiusa" fino al 20 novembre, e screening di massa per circoscrivere in breve tempo il cluster che si è sviluppato nella piccola cittadina novese, poco meno di tremila abitanti nel profondo Cilento. Con apposito ordinanza firmata quest'oggi, domenica 8 novembre, il sindaco Adriano De Vita ha così sancito una zona rossa di dodici giorni nel suo comune, in attesa dei tamponi a cui sottoporre la popolazione.

Via agli screening per trovare un cluster

La decisione è arrivata dopo il resoconto del mese di ottobre, che ha evidenziato un enorme aumento dei contagi nel piccolo paese cilentano che, a settembre, non ne aveva invece evidenziato alcuno. Nelle ultime ore, un 50enne del posto è stato anche ricoverato all'ospedale San Luca di Vallo della Lucania proprio perché positivo al coronavirus. Ma a preoccupare sarebbero alcuni casi che, finora, non erano ancora emersi e che ora stanno rendendo difficile ricostruire la catena di contatti. Da qui la decisione di sottoporre a screening di massa la popolazione, al fine di evitare che la situazione degeneri ulteriormente.

L'ordinanza del sindaco: Novi Velia "chiude" fino al 20 novembre

L'ordinanza firmata dal sindaco De Vita riporta di fatto Novi Velia alle settimane di marzo e aprile scorsi. Non si entra e non si esce dal paese, se non per "validi e comprovati motivi", come lavoro e salute. Sospese tutte le attività, sia quelle dei pubblici uffici sia quelle private (artigianali, produttive e commerciali). Resteranno aperti solo tabaccai, farmacie, parafarmacie e negozi di generi alimentari. Consentito solo l'asporto e le consegne a domicilio per quanto riguarda le attività di ristorazione. Divieto tassativo anche solo di uscire di casa: chi ha un animale domestico potrà portarlo fuori tra le 7 e le 8 del mattino e tra le 16 e le 17 del pomeriggio. Stop a messe e funzioni religiose: chiuse anche palestre, circoli di ogni tipo, parrucchieri, barbieri ed estetisti, oltre ai cantieri sia pubblici che privati. Qui il testo completo dell'ordinanza.

261 CONDIVISIONI
28428 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni