Due positivi e due intere classi in quarantena fiduciaria a Torre del Greco, in provincia di Napoli. La vicenda è accaduta all'interno dell'Istituto Comprensivo "Giampietro-Romano": due terze della scuola primaria sono così finite in quarantena fiduciaria, dopo la scoperta della positività di un'alunna e di una insegnante. La giovane è stata presente in aula l'ultima volta lo scorso 9 aprile, mentre la docente due giorni prima, il 7 dello stesso mese.

Dopo la scoperta della loro positività, è scattato l'isolamento fiduciario per tutti gli alunni e gli insegnanti venuti a contatto con i due casi positivi. Non si tratta dell'unico caso: dalla riapertura delle scuole in Campania, si sono subito moltiplicati i casi di contagio registrati tra alunni e docenti. Già nei giorni scorsi, altre tre classi di due istituti comprensivi erano tornate alla didattica a distanza dopo aver accertato la presenza di altri due casi positivi al loro interno. A Napoli, invece, nella prima settimana di riapertura sono stati 22 i casi positivi riscontrati nei plessi scolastici, distribuiti in sei istituti diversi. Anche in questo caso, studenti e personale (docente e non docente) è finito in isolamento (la cosiddetta "quarantena preventiva fiduciaria"), mentre aule e plessi scolastici erano stati chiusi per consentire la sanificazione da parte del personale delle ditte incaricate. Molte altre le scuole chiuse nei singoli comuni: alcuni hanno preferito rimandare l'apertura (chi per 7 o 14 giorni, ma non manca chi ha optato per la chiusura "ad oltranza), proprio per osservare l'andamento della curva pandemica e capire se vi fossero le condizioni o meno per un ritorno alla didattica in presenza.