485 CONDIVISIONI
Covid 19
15 Novembre 2020
16:50

Coronavirus Campania, nel bollettino del 15 novembre 3771 contagi e 35 morti per Covid

Questo il bollettino Coronavirus di oggi 15 novembre diramato dall’Unità di Crisi della Regione Campania: 3.771 positivi su  24.948 tamponi effettuati. Sono decedute 35  persone  tra il 30 ottobre e il 14 novembre. La Campania ha superato la triste soglia dei mille morti da Covid-19 da marzo a oggi.
A cura di Redazione Napoli
485 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Questo il bollettino di oggi diramato dall'Unità di Crisi della Regione Campania: 3.771 positivi su  24.948 tamponi effettuati. Sono decedute 35  persone  tra il 30 ottobre e il 14 novembre. Il report dei posti letto su base regionale diffuso da Palazzo Santa Lucia riporta ora una specifica ulteriore: "Posti letto Covid e offerta privata". Il perché è presto spiegato: la Regione ha stipulato accordi con le cliniche per posti letto di terapia sub intensiva e intensiva e posti di degenza. La Campania ha superato la triste soglia dei mille morti da Covid-19 da marzo a oggi.

  • Report posti letto su base regionale:
  • Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
  • Posti letto di terapia intensiva occupati: 194
  • Posti letto di degenza disponibili: 3.160
  • Posti letto di degenza occupati: 2.224

Secondo quanto riportato nel bollettino dell'Ucr Campania dei circa 3700 positivi odierni 3.200 circa sono asintomatici e 557 avrebbero invece i sintomi tipici del Covid (non è specificata né la natura né la gravità dei sintomi né se tanto meno i sintomi abbiano o meno determinato la necessità di un ricovero ospedaliero). La questione degli asintomatici nel bollettino è piuttosto dibattuta: molti specialisti non giudicano affidabili questi numeri poiché la condizione di assenza di malesseri e sintomi tipici del Coronavirus può insorgere anche giorni dopo il tampone e l'effettiva attestazione di positività. Sono oggi 725 i guariti. 

Da oggi la regione è in zona rossa per le prossime due settimane, una sorta di "lockdown soft" con numerose chiusure di esercizi commerciali e divieti di spostamento. Non si può circolare neppure all’interno del proprio comune ed è necessaria l'autocertificazione per le deroghe. Passeggiate solo sotto casa, stessa sorte per le attività motorie. Scuole chiuse per un’altra settimana: dal 24 novembre didattica in presenza ma solo per alcune classi.

485 CONDIVISIONI
31052 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni