video suggerito
video suggerito
Campi Flegrei

Campi Flegrei, installato un giroscopio per monitorare i terremoti in tempo reale

Ai Campi Flegrei arriva un nuovo strumento per l’Ingv: uno giroscopio, che permetterà di “monitorare anche i moti rotatori del suolo”, spiegano dall’Istituto.
A cura di Giuseppe Cozzolino
59 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un nuovo strumento in aiuto dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: uno giroscopio, altrimenti detto "sensore rotazionale", per rilevare la velocità di rotazione del suolo e fornire contemporaneamente informazioni aggiuntive rispetto ai sensori sismici traslazionali nell'area dei Campi Flegrei. Il giroscopio è stato messo a punto da un team multidisciplinare di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ottica del CNR, in collaborazione con l’Osservatorio Vesuviano dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e l’Agenzia Spaziale Italiana.

"L’area dei Campi Flegrei è coperta da una rete capillare di sensori multiparametrici gestita dall’INGV-OV per il monitoraggio in tempo reale di diversi parametri fisici e chimici, utilizzati per lo studio dell’attività sismica e vulcanica", spiega in una nota l'Ingv, che aggiunge come questo strumento darà "la possibilità di monitorare anche i moti rotatori del suolo", permettendo dunque di "migliorare la comprensione degli eventi sismici, fondamentali per lo studio della dinamica dei vulcani. Il prototipo è basato su un interferometro di Sagnac lungo 2 Km e ubicato nei laboratori CNR-INO nel cuore dei Campi Flegrei".

Il sistema è stato calibrato durante una campagna di misura durata cinque mesi, da maggio a settembre 2023, misurando le rotazioni del suolo indotte dai terremoti di bassa e media magnitudo. "Allo stato attuale, il giroscopio può misurare soltanto la componente rotazionale del moto intorno all’asse verticale. Le prossime attività saranno dedicate al miglioramento della risoluzione e della stabilità del sistema e allo sviluppo di un giroscopio a tre assi, per la misura di tutte le componenti rotazionali", completa la nota dell'Ingv, che spiega anche come "l'obiettivo finale è la realizzazione di un sistema completo per l’osservazione permanente delle rotazioni del suolo nell’area dei Campi Flegrei".

59 CONDIVISIONI
286 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views