Coronavirus
23 Luglio 2021
19:46

Campania ancora in zona bianca, ma il rischio resta moderato: in aumento Rt e contagi

Nessuna regione ha cambiato colore, quindi anche la Campania resta in zona bianca per questa settimana. Il monitoraggio dell’Istituto superiore della sanità ha però confermato il trend evidenziato già dai bollettini quotidiani: in Campania i contagi sono in aumento, così come l’Rt, e il rischio resta moderato.
A cura di Valerio Papadia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Anche per questa settimana la Campania resta in zona bianca: nessuna Regione, per il momento, cambia colore. I dati del monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di sanità (Iss), infatti, hanno evidenziato che in nessuna della Regioni italiane ci sono le condizioni per un inasprimento delle misure di sicurezza anti-Covid, secondo i nuovi parametri appena stabiliti dal Governo. Il monitoraggio dell'Iss, però, evidenzia che in Campania – così come nella quasi totalità del Paese – come mostrato già nelle ultime settimane dai bollettini quotidiani dell'Unità di Crisi, i contagi sono in aumento e la classificazione complessiva di rischio rimane moderata. In aumento anche l'indice di contagio, che passa a 1,26, rispetto all'1,12 comunicato nel monitoraggio Iss della scorsa settimana.

Vaccinare studenti e docenti oppure anno scolastico a rischio

L'aumento dei contagi è da identificare nella variante Delta, diventata dominante ormai in Campania. Nel corso della diretta Facebook del venerdì, il governatore Vincenzo De Luca ha ribadito l'importanza dei vaccini. "La priorità è completare la vaccinazione per gli studenti sotto i 18 anni. Dobbiamo vaccinare almeno il 70% della popolazione scolastica in questi giorni di luglio e nell'ultima settimana di agosto. Poi vedremo ad agosto quando far cominciare l'anno scolastico in base al livello di vaccinazione della popolazione studentesca. Vaccineremo tutti a costo di ritardare l'apertura dell'anno scolastico, per evitare di avere classi per metà in presenza e per metà in DaD, che sarebbe un disastro" ha detto De Luca.

Quali sono i nuovi parametri per i colori delle Regioni

I nuovi parametri del Governo sul cambio di colore delle Regioni prendono in considerazioni l'incidenza dei casi ogni 100mila abitanti e il tasso di occupazione degli ospedali. Per il passaggio in zona gialla, l'incidenza dovrà essere di 50 casi ogni 100mila abitanti, mentre per quanto riguarda il tasso di occupazione, in terapia intensiva non deve superare il 10% e in degenza ordinaria il 15%. Per passare in zona arancione, invece, il tasso di occupazione resta quello della zona gialla, mentre l'incidenza deve essere di 150 casi ogni 100mila abitanti. Infine, per la zona rossa, l'incidenza è quella della zona arancione, mentre il tasso di occupazione in terapia intensiva non deve superare il 30%, mentre in degenza ordinaria il 40%.

27046 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni