18 Giugno 2021
7:29

Camorra, estorsione a un cantiere nautico di Pozzuoli: 3 arresti nel clan Longobardi-Beneduce

Le indagini hanno rivelato come i tre avessero chiesto, nel dicembre del 2020, a ridosso delle festività natalizie, la somma di 2000 euro al proprietario di un cantiere nautico di Licola, da destinare alle famiglie dei detenuti. Per assicurarsi la loro “protezione” e non avere problemi, l’uomo aveva versato ai tre una prima “rata” da mille euro.
A cura di Valerio Papadia

Tre persone, ritenute dagli inquirenti legate al clan Longobardi-Beneduce, egemone nell'area flegrea, sono state arrestate dai carabinieri a Pozzuoli e a Giugliano in Campania, nella provincia di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea: l'accusa è quella di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le indagini sono partite dopo un controllo dei carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Napoli effettuato in un cantiere nautico di Licola, frazione di Pozzuoli, nell'ambito di una operazione volta alla repressione dei reati ambientali. I militari, unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Pozzuoli, avevano scoperto in quella occasione che il titolare del cantiere, nel mese di dicembre del 2020, a ridosso delle festività natalizie, aveva ricevuto dai tre arrestati la richiesta di duemila euro per le famiglie dei detenuti.

L'imprenditore, per evitare problemi e assicurarsi la loro "protezione", aveva deciso di versare ai tre una prima "rata" da mille euro. Le indagini dei carabinieri hanno rivelato che le richieste estorsive erano state avanzate dai tre direttamente nel cantiere nautico, oppure in altre zone di Licola, nelle quali avevano dato appuntamento all'imprenditore. Questa mattina, dunque, i carabinieri hanno dato esecuzione a una ordinanza di applicazione di misura cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli, nei confronti dei tre: D.S.R., classe 1986 e S.L., classe 1982, sono stati rinchiusi nel carcere napoletano di Poggioreale (dove il secondo era già detenuto per altri reati), mentre per D.S.V.E., classe 1993, è scattata la misure di divieto di dimora nella Regione Campania.

Armati di mitra e pistole chiedono il pizzo ai commercianti: tre arresti a Pozzuoli
Armati di mitra e pistole chiedono il pizzo ai commercianti: tre arresti a Pozzuoli
Blitz ad Acerra, colpiti i clan Di Buono e Lombardi: sgominate le piazze di spaccio, 26 arresti
Blitz ad Acerra, colpiti i clan Di Buono e Lombardi: sgominate le piazze di spaccio, 26 arresti
Faida di camorra per il controllo di Bagnoli: clan di Fuorigrotta alleati contro quelli del Rione Traiano
Faida di camorra per il controllo di Bagnoli: clan di Fuorigrotta alleati contro quelli del Rione Traiano
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni