320 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 13 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 5 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
16 Settembre 2022
15:52

Arriva la pubblicità di Salvini: “La pensione la vogliamo da vivi”. Ma lui è morto da 10 anni

Lo slogan elettorale di Matteo Salvini, “La pensione la vogliamo da vivi”, arriva in una casa di Anacapri: ma l’occupante è morto da 10 anni.
A cura di Valerio Papadia
320 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Tema: che cos'è l'ironia della sorte? Svolgimento: quello che è accaduto ad Anacapri, comune dell'isola di Capri, e che è stato reso noto dall'ex sindaco, Mario Staiano. L'ex primo cittadino del comune dell'isola azzurra, infatti, sulla sua pagina Facebook ha pubblicato una foto che si potrebbe definire quasi uno scherzo del destino: nella cassetta della posta, indirizzata a suo padre, è arrivata una busta contenente la pubblicità elettorale di Matteo Salvini, leader della Lega. La foto sulla brochure mostra Salvini che tiene in mano una maglietta che reca lo slogan: "La pensione la vogliamo da vivi". Peccato che il padre dell'ex sindaco Staiano, a cui è indirizzata quella pubblicità elettorale, sia morto da oltre un anno. La stessa pubblicità elettorale, inoltre, è arrivata anche al suocero dell'ex primo cittadino, che è però anch'egli deceduto, addirittura da circa 10 anni.

"Arriva questa pubblicità elettorale a casa di mio padre morto più di un anno fa ed a mio suocero deceduto più di dieci anni fa" ha scritto Staiano a corredo della foto pubblicata su Facebook. Un messaggio, quello che Mario Staiano ha diffuso attraverso i social, che ha strappato più di un sorriso a chi lo segue ma che però, forse, lascia spazio anche a riflessioni e interrogativi su alcune lungaggini, a volte eccessive, che contraddistinguono determinati iter e procedimenti nel nostro Paese.

320 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni