I prodotti non acquistabili nel supermercato (Facebook)
in foto: I prodotti non acquistabili nel supermercato (Facebook)

Accade in un supermercato del Milanese, nel piccolo comune di Vanzaghello, che sia vietata al pubblico la vendita nel fine settimana di prodotti di parafarmacia, carta igienica, pannollini e altri articoli di prima necessità. A denunciarlo è una cliente della struttura che in un post Facebook con tanto di foto allegate che dimostrano l'accaduto spiega di essersi recata nel supermercato quest'oggi e di aver trovato praticamente inaccessibili ai clienti alcune zone dello stesso: "Articoli non food non acqusitabili", recita il cartello affisso dinanzi ad alcune scaffalature che vendono prodotti non vendibili.

La direzione del supermercato: Rispettiamo le norme anti Covid

Scelta che non solo la cliente che ha segnalato la vicenda ma anche altri residenti del comune milanese hanno definito incomprensibile: "Trovo incredibile questa situazione, stiamo rasentando il ridicolo – scrive un cliente su Facebook – non vendere la carta igienica e gli assorbenti in un supermercato aperto non è una regola anti covid, ma una cattiveria gratuita!". E infatti sembra che dietro la scelta dello store di non vendere questa categoria di prodotti nei fine settimana ci sia la necessità di rispettare le norme anti Covid in fatto di grandi strutture. Secondo quanto riportato da SkyTg24 sembra infatti che la direzione del supermarket abbia giustificato tale decisione affermando che "essendo il loro esercizio all'interno di un centro commerciale, secondo la direttiva in vigore nel fine settimana dovrebbero vendere esclusivamente generi alimentari". Ma di fatto non sembra che il prefetto di Milano non abbia bloccato la vendita di prodotti per l'igiene personale, farmacia e parafarmacia all'interno dei centri commerciali nei festivi e prefestivi.