2.643 CONDIVISIONI
Elena Casanova uccisa a martellate dall'ex
21 Ottobre 2021
11:47

Uccide Elena a martellate, poi chiama la figlia: “Sono soddisfatto, ho fatto il mio dovere”

“Sono soddisfatto, ho fatto il mio dovere”. Sarebbero queste le parole pronunciate da Ezio Galesi al telefono con la figlia subito dopo l’assassinio di Elena Casanova, la ex compagna di 49 anni massacrata a martellate davanti casa sua a Castegnato. A raccontarlo a Fanpage.it è Giuseppe, un vicino di casa della vittima.
A cura di Filippo M. Capra
2.643 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elena Casanova uccisa a martellate dall'ex

Emergono nuovi sconvolgenti dettagli del femminicidio consumatosi ieri a Castegnato, in provincia di Brescia, dove Elena Casanova è stata uccisa a martellate dall'ex compagno, Ezio Galesi, di dieci anni più grande, che da un anno non accettava la fine della loro relazione. Un vicino di casa della vittima, che risiede in via Fiorita 11, ha raccontato a Fanpage.it gli istanti subito successivi alla tragedia, dicendo che l'assassino era "tranquillo" e che quando sono arrivati i carabinieri "lui è rimasto impassibile".

Galesi dopo aver ucciso Elena: Sono soddisfatto, ho fatto il mio dovere

Dopo aver ucciso con il martello portato da casa Elena, Galesi "ha chiamato la figlia – racconta Giuseppe Carrozzo, detto Pino, a Fanpage.it – e le ha detto: "Sono soddisfatto, ho fatto il mio dovere"". La scena agghiacciante che si è presentata davanti agli occhi di Giuseppe lo lascia ancora sconvolto. Nella descrizione del vicino, l'assassino non pareva essere scosso dal brutale omicidio che aveva appena commesso. Anzi.

Elena Casanova, la vittima
Elena Casanova, la vittima

Come spiegato anche dall'ex marito della vittima, passato per caso da via Fiorita con la figlia, Galesi è rimasto davanti al corpo senza vita di Elena fumandosi una sigaretta, in attesa che i militari arrivassero e lo arrestassero. Il martello portato da casa è stato rinvenuto a pochi passi dall'auto della donna. L'assassino, una volta portato in caserma, ha ammesso l'omicidio raccontando agli inquirenti che in passato aveva "promesso" che avrebbe ucciso Elena, "e alla fine l'ho fatto".

Ezio Galesi, l’assassino
Ezio Galesi, l’assassino

Elena era molto conosciuta in paese, dove viveva da quindici anni, e gli altri vicini parlano di lei dicendo che "era una ragazza speciale che aveva avuto una vita difficile. Non meritava questa crudeltà".

2.643 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni